PalaMaggiò di Caserta in fiamme, possibile incendio doloso: tutti i dettagli

PalaMaggiò, lo storico impianto dopo anni di atti vandalici è stato avvolto dalle fiamme: quali sono le ipotesi degli investigatori

Palamaggiò
L’intervento dei Vigili del Fuoco al Palamaggiò (foto Facebook)

Nel tardo pomeriggio di ieri un incendio ha interessato il Palamaggiò di Caserta, la casa di tante battaglie della squadra di basket JuveCaserta. Le fiamme hanno riguardato la zona posteriore della struttura, gli uffici e le palestre risparmiando il parquet e le tribune degli spettatori. Ciò che crea più clamore è che le indagini pare si stiano indirizzando verso l’ipotesi di un incendio doloso.

La tesi del cortocircuito, infatti, perde sempre più forze poiché la struttura non aveva più allaccio elettrico. Il palazzetto è chiuso da quando il club non esiste più e da due anni la gestione è affidata a un commissario nominato dai giudici. Ma ci sarebbe anche un altro elemento che fa propendere alla tesi del dolo: la porta d’ingresso pare sia stata forzata.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Giugliano, aggressione al personale sanitario: intervengono i Carabinieri

Palamaggiò, ancora uno sfregio alla storia sportiva

Incendio Palamaggiò (foto Facebook)

Non è stato facile ieri domare le fiamme. Sono state necessarie quattro ore d’intervento di più squadre dei Vigili del Fuoco avvisate alle 19 circa quando sono state notate della alte colonne di fumo. Un nuovo duro colpo per gli appassionati del basket casertano e per tutti gli sportivi campani in una regione che è già deficitaria di strutture adeguate. Il Palamaggiò è il secondo palazzetto dello sport in Campania per grandezza dopo il PalaSele di Eboli. Porta il nome di Giovannì Maggiò, l’indimenticabile presidente della JuveCaserta

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> De Luca: “Niente mix di vaccini in Campania”. Cosa succede adesso

Quando ieri a Castel Morrone le fiamme hanno avvolto la struttura sono andati in fumo altri pezzi di storia del basket italiano e casertano. Una storia deturpata dall’abbandono della struttura che oramai da tempo è diventata terra di nessuno e teatro di atti di teppismo e che nel 1991, quando Maggiò era già scomparso, vide la vittoria dello storico scudetto, l’unico trionfo in Italia di una squadra del Sud.