Coronavirus, il bollettino di oggi 11 giugno

Covid Italia, il bollettino coronavirus di oggi 11 giugno: contagi, positivi, guariti e morti a livello nazionale nelle ultime ventiquattro ore.

bollettino coronavirus
Bollettino coronavirus oggi: la situazione Covid in Italia

Coronavirus Italia, il report Covid. Dall’inizio dell’epidemia fino al 30 aprile 2021, nel nostro Paese sono stati registrati 4.035.367 casi positivi di Covid-19. 1.867.940 di questi sono avvenuti nei primi quattro mesi del 2021 (il 46% del totale).

L’analisi del primo quadrimestre 2021 – come si legge nel Rapporto prodotto da ISTAT e Istituto Superiore di Sanità – documenta rispetto al 2020 un calo in termini percentuali dei contagi registrati nella popolazione molto anziana (80 anni e più) e un abbassamento dell’età dei casi segnalati. Questo è un segnale di come la campagna di vaccinazione, le raccomandazioni e la prevenzione messa in atto abbiano dato esiti postivi nel ridurre la trasmissione di malattia nella fascia anziana della popolazione. Questo risultato è anche una conseguenza dell’aumentata capacità diagnostica e delle attività di contact tracing che hanno facilitato l’identificazione di casi tra la popolazione più giovane, più frequentemente paucisintomatici o asintomatici.

LEGGI ANCHE –> Chiara Ferragni apre un bar a Milano: quanto costa un semplice caffè

Il bollettino coronavirus di oggi

bollettino coronavirus
La situazione coronavirus in Italia

Il bollettino Covid di oggi: 1.901 contagi, 69 morti, 5.893 guariti. Nelle ultime ventiquattro ore 200.395 tamponi analizzati in Italia, leggerissimo calo del tasso di positività: 0,9% (-0,1%). -29 terapie intensive, -277 ricoveri. I vaccini contro il Covid hanno raggiunto quota 40.719.560 somministrazioni in totale.

LEGGI ANCHE –> AstraZeneca, vaccino bloccato in Italia: gli aggiornamenti

Nel 2020 il totale dei decessi è stato il più alto mai registrato in Italia dal secondo dopoguerra: 746.146 decessi. Il dato evidenzia 100.526 decessi in più rispetto alla media 2015-2019 (15,6% di eccesso). Analizzando la diffusione del virus nei primi mesi del 2021 le Province con il maggior tasso di incidenza sono state quelle del versante Nord-orientale. Molto bassa appare l’incidenza in alcune province della Sardegna , in alcune Province della Calabria e della Sicilia.

Rispetto all’intero anno 2020, nei primi quattro mesi del 2021 l’impatto dei decessi per Covid sui decessi totali è aumentato soprattutto nelle regioni del Centro e del Mezzogiorno. Questo accade sia perché è aumentata la capacità di rilevazione dei decessi Covid da parte delle Regioni sia per lo scenario di diffusione del virus che è notevolmente mutato interessando le regioni del Centro e del Mezzogiorno. Nella prima ondata (marzo-maggio 2020) questi territori avevano registrato una scarsa presenza del virus.

La stima del contributo dei decessi Covid alla mortalità generale conferma come l’impatto sia più marcato nel genere maschile. La fascia di età in cui si riscontra un’incidenza maggiore di decessi Covid è la 65-79 anni, in questa classe un decesso su cinque è attribuibile alla malattia causata dal coronavirus.