Napoli, continuano i controlli durante la Movida: quasi 300 identificati

Non si fermano i controlli della Movida a Napoli, da parte delle forze dell’ordine. Sono ben 276 le persone identificate durante le operazioni.

Napoli Movida
Volante della Polizia sul lungomare (Foto: Polizia di Stato)

Si allentano le misure di sicurezza a causa del miglioramento della situazione Covid, così tocca alle forze dell’ordine intensificare i controlli durante la Movida a Napoli. Perlustrati i luoghi più importanti del capoluogo napoletano, con delle operazioni coordinate dal Commissariato San Ferdinando e della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale. Non solo, infatti hanno eseguito diverse operazioni anche i militari dell’Arma dei Carabinieri e del Comando Provinciale della Guardia di Finanza.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Nocera Superiore, tragico incidente stradale: due morti ed altrettanti feriti

Controlli specifici specialmente nella zona dei ‘Baretti‘, dove spesso si verificano schermaglie. Poi i militari hanno deciso di controllare anche via Generale Orsini, via Partenope e via Francesco Caracciolo. Durante il servizio sono ben 276 le persone identificate, tra queste anche un 17enne casertano in possesso di un coltello della lunghezza di 19 cm. Controllati anche 5 esercizi commerciali e due persone di 36 e 49 anni che svolgevano l’attività di parcheggiatori abusivi. I due erano già noti alle forze dell’ordine.

Napoli, ancora controlli durante la movida: la situazione in Regione

Napoli movida
I poliziotti in posto di blocco nel quartiere Vomero (Foto Questura di Napoli)

E’ importante per Napoli e l’intera Campania far sì che non ci siano assembramenti. Infatti la regione è vicinissima ad abbracciare la zona bianca, dove viene abbattuto anche il coprifuoco. Proprio il termine per il rientro in caso, durante questa settimana, è allungato alle ore 24, come deciso dalle misure di sicurezza messe in campo dal Governo. Il passaggio alla zona bianca dovrebbe avvenire il prossimo 21 giugno, ma con un netto miglioramento potrebbe avvenire già dalla prossima settimana.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Lino Apicella, oggi la sentenza per il poliziotto ucciso: sit-in dei familiari

Uno spiraglio di luce anche per quella che è stata la Regione più colpita in Italia durante la seconda ondata. Infatti ad oggi la Campania resta la regione con più ‘attualmente positivi’ nella penisola. Nell’ultima settimana, l’Italia sta procedendo ad un passo di 600mila dosi inoculate al giorno. Grazie all’accelerata, l’Italia adesso si trova al secondo posto in classifica tra i paesi dell’Unione Europea per somministrazioni, dietro solamente alla Germania. Inoltre la percentuale di tampone analizzati positivi resta fermo tra l’1 ed il 2%.