Ibiza, sparatoria durante festa privata: napoletano in gravi condizioni

Ibiza, Antonio Amore è stato sottoposto a intervento chirurgico per sei ore. La Guardia civil cerca il conterraneo Michele Guadagno

Ibiza
Antonio Amore, il ragazzo rimasto ferito nella sparatoria (foto Facebook)

Ibiza, notte tra venerdì e sabato scorso. A Santa Eulalia in una villa in affitto è in corso una festa che improvvisamente viene macchina dal sangue. Secondo la Guardia Civil spagnola sono quasi le 3 quando arriva un uomo con un’auto (probabilmente accompagnato da un’altra persona) entra nella villa e con in mano un’arma da fuoco comincia a sparare.

Dalle prime notizie giunte in Italia le agenzie avevano riportato che nella sparatoria erano coinvolti almeno due italiani. Con il passare delle ore è stato specificato che si tratta di napoletani.

Secondo le forze dell’ordine iberiche ad aprire in fuoco è stato Michele Guadagno, 33enne residente sull’isola spagnola. Il ferito, grave, è Antonio Amore, di anni 28. Ferita anche una terza persona, un altro napoletano, ma per fortuna solo di striscio ed è già stato dimesso dall’ospedale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli, De Luca spinge Manfredi a sindaco: “Concretezza e operatività”

Ibiza, la Guardia civil sulle tracce di Guadagno

Guardia civil spagnola (Getty Images)

Ben diversa la situazione di Antonio Amore che è stato ferito alla testa ed è in gravi condizioni. Sarebbe stato colpito da sei proiettili, alla testa e alla gamba e l’intervento chirurgico al quale è stato sottoposto ha avuto la durata di sei ore. La festa sarebbe stata organizzata dallo stesso Amore ed erano presenti molti connazionali residenti a Ibiza.

Secondo il sito OK Diario che ha citato fonti investigative, il motivo della lite che ha portato alla sparatoria sarebbe futile, forse la gelosia nei confronti di una ragazza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cicciano, uomo ferito con cinque coltellate: aggressore in fuga

Dalle notizie che giungono dalla Spagna Guadagno sarebbe in fuga e la Guardia Civil dovrebbe essere sulle sue tracce. Amore, il ferito, lavora in un ristorante e come secondo lavoro organizza eventi come quello di venerdì sera. Il caso è seguito anche dal Consolato italiano a Barcellona che sta fornendo assistenza ai connazionali coinvolti.