Pubblica amministrazione, 24mila assunzioni a tempo indeterminato: l’annuncio

Il ministro Brunetta annuncia l’arrivo di 24mila assunzioni a tempo indeterminato nella pubblica amministrazione: tutti i dettagli.

pubblica amministrazione
Tutte le novità dell’Inps sulla cassa integrazione (via Screenshot)

L’Italia è pronta a dare una ventata di freschezza alla pubblica amministrazione, con l’arrivo di 24mila nuove assunzioni. Stando alle prime notizie, infatti, 500 di queste saranno riservate a profili capaci di rendicontare le spese del Pnrr e 405 invece saranno addetti informatici. Come richiesto dall’Unione Europea, tutti i contratti saranno a tempo indeterminato.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Campania, De Luca: “Da lunedì al via le vaccinazioni in farmacia con J&J”

A riassumere il piano ci ha pensato il ministro Brunetta, pronto a dare una mano per snellire la burocrazia italiana e mettere a punto il Piano Nazionale di Rinascita e Resilienza. Inoltre l’intenzione del ministro è quella di dare un tocco di modernità alla pubblica amministrazione. Inoltre con il nuovo decreto verrà sbloccato il turn-over nella Pa. Per la sanità, invece, il turn over sarà superiore al 100%.

Pubblica Amministrazione, Brunetta annuncia: “Prevarrà il merito”

Pubblica Amministrazione
Le parole del ministro Renato Brunetta (via Getty Images)

Ad illustrare il piano per le nuove assunzioni ci ha pensato Renato Brunetta. Il ministro infatti ha ricordato come la pubblica amministrazione sia ingessata e quindi il Piano di Rinascita e Resilienza servirà per modernizzare il tutto. Brunetta ha ricordato che ci sarà un mercato efficiente dove prevarrà il merito e la remunerazione dovrà essere al livello di mercato.

POTREBBE INTERESSARTI >>>  Costiera Amalfitana e Penisola Sorrentina, arriva il portale del turismo

Il rinnovamento della Pa sarà una vera e propria ondata di aria fresca per un settore che ha sofferto per anni. Al popolo italiano sarà messo a disposizione un portale al quale aggiungere il proprio curriculum. In questo modo gli italiani potranno così avere un ruolo importante nel Piano Nazionale di Resilienza e Rinasciata, entrando a far parte della pubblica amministrazione.