Android, problemi di privacy: clamorosa ammissione di Google

Il sistema operativo Android avrebbe gravi problemi di privacy. L’ammissione proviene dalla stessa Google che fornisce dei chiarimenti.

Android
La sicurezza di molti apparecchi Android è a forte rischio (Foto di Steve Buissinne da Pixabay)

Se si guarda al mercato degli smartphone si nota come il sistema operativo Android domina le percentuali di vendita. Secondo gli ultimi dati otto smartphone su dieci hanno installato il software sviluppato da Google e che crea non poche polemiche.

L’ultima, incredibile notizia arriva dall’Arizona. Una causa intentata contro il colosso dell’elettronica rivela che quest’ultimo era consapevole dei limiti sulla sicurezza fornita agli utenti. Questa, secondo le ricostruzioni, non garantirebbe un’adeguata privacy.

Android, qual è la falla nella sicurezza del software

Android
I problemi maggiori derivano dalla registrazione della posizione (Foto di Pexels da Pixabay)

Nello specifico sarebbe possibile risalire alla posizione degli utenti. I documenti raccolti dimostrano come Google avesse a disposizione tale informazione anche dopo la disattivazione da parte degli stessi utenti. Altro problema riguarda l’accesso alle impostazioni sulla privacy.

Leggi anche-> Digitale terrestre, a breve milioni di tv fuori uso: quali sono

Questo sarebbe molto difficoltoso, impedendo di fatto una modifica alle preferenze da parte del proprietario dello smartphone. Su questo punto Google avrebbe chiesto ai produttori dei vari devices di rendere difficoltoso l’accesso a tali impostazioni, in modo da non perdere queste preziose informazioni.

La risposta dell’azienda e il vantaggio di Apple

A tal proposito l’azienda ha diffuso un comunicato nel quale spiega la vicenda: “I nostri concorrenti, che sono a capo di questa azione legale, hanno fatto di tutto per caratterizzare male i nostri prodotti. Abbiamo sempre fornito solidi controlli per la posizione e siamo pronti a dimostrarlo in tribunale“.

Leggi anche-> Apple contro Samsung, chi vince la sfida di gradimento dei consumatori

Sta di fatto però che questa è una grande vittoria per Apple, diretta concorrente di Google. La società di Cupertino ha fatto della protezione dei dati un suo fiore all’occhiello, senza per questo risparmiare qualche frecciatina agli odiati rivali. Questo potrebbe avvantaggiarli nelle vendite future, con il prossimo Iphone che verrà distribuito nei prossimi mesi. Se la versione Pro è inaccessibile per il suo prezzo, quella base potrebbe acquisire fette importanti di mercato.