Laurino, scatta la zona rossa: boom di contagi nel Cilento

Zona rossa nel Comune di Laurino (provincia Salerno). L’ordinanza del sindaco arriva dopo l’esplosione di contagi nella cittadina del Salento.

Laurino
Comune di Laurino

La Campania è in zona gialla da tempo con numeri in calo e un’incoraggiante progressione della campagna vaccinale. Nelle prossime settimane si potrebbe addirittura raggiungere l’ambito traguardo della zona bianca, dove le uniche misure anti Covid da rispettare sono l’utilizzo della mascherina ed il distanziamento sociale. Niente coprifuoco e restrizioni. Non in tutta la Regione, però, la situazione è così buona. Il sindaco del piccolo Comune di Laurino, in provincia di Salerno, ha firmato un’ordinanza che pone la cittadina in zona rossa.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Campania, il bollettino Regione di oggi

Comune di Laurino in zona rossa: boom di contagi nel Salento

Laurino
Il municipio di Laurino (Foto: Comune)

Il sindaco Romano Gregorio ha firmato oggi l’ordinanza per frenare il contagio Covid: prevista una serie di limitazioni agli spostamenti ed il coprifuoco a partire dalle ore 22 fino alle 5. Il numero di positivi negli ultimi giorni è cresciuto velocemente, a cui si andavano ad aggiungere le persone in isolamento fiduciario.

LEGGI ANCHE –> Green pass, come richiederlo in Italia: quali sono le app utili


Laurino è un caratteristico borgo cilentano che, dall’alto di una collina, a 531 metri sul livello del mare, domina sull’intero paesaggio circostante. Ai piedi della collina scorre il fiume Calore Lucano, proveniente da una sorgente sul Monte Cervati e ricco di fauna molto particolare, basti pensare ad esempio alla presenza della lontra. Sono 1372 gli abitanti secondo un censimento di maggio 2020. Il Comune fa parte della Comunità montana Calore Salernitano e dell’Unione dei comuni Alto Calore. Le competenze in materia di difesa del suolo sono delegate dalla Campania all’Autorità di bacino regionale Sinistra Sele e all’Autorità di bacino interregionale del fiume Sele.

La storia del Comune: la prima citazione storica del Castellum de Lauri risale all’anno 932. Nel XII secolo la popolazione superava di gran lunga i 3.500 abitanti, distribuiti nel capoluogo e nelle frazioni da cui si sono poi sviluppati i paesi circostanti.