Disney Store, proteste contro la chiusura: cosa succede a via Toledo

Continuano le proteste contro le chiusure dei Disney Store. Le rimostranze coinvolgono anche il negozio sito in via Toledo.

Disney Store
Protesta dei lavoratori nei pressi di Via Toledo (Getty Images)

La chiusura dei Disney Store getta nello sconforto i numerosi lavoratori in tutta Italia. Non fa eccezione la Campania, con il negozio di Via Toledo che può vantare una tradizione che dura da ben venti anni. E che rischia di essere spazzata via a causa delle chiusure.

Leggi anche-> Campania, vaccini per i maturandi: prenotazioni aperte da domani

Proprio per questo i lavoratori si sono ritrovati oggi in strada, per far sentire la loro voce ed esporre il loro punto di vista. A rischio ci sono 23 posti dei lavoro, dei quali sono ben 21 le componenti femminili che potrebbero rimanere a casa se la situazione non cambi.

Disney Store, la dichiarazione del sindacato CGIL

Disney Store
La protesta dei dipendenti è supportata dalle parole dei sindacati (Getty Images)

Presenti anche i sindacati, che denunciano una pericolosa deriva. “E’ inaccettabile-dice il segretario Cgil Nicola Ricciperché queste chiusure rappresentano una pugnalata alle spalle dei dipendenti. Non è giusto che il prezzo della pandemia la paghino i dipendenti“.

Viene infine ribadito eccesivo il ricorso al commercio elettronico: “Licenziare e chiudere tutto per puntare interamente sull’e-commerce è quanto di più sbagliato si possa fare ora. Siamo al fianco dei lavoratori e delle lavoratrici, la battaglia è solamente all’inizio“.

La replica del segretario della UIL

Di pari avviso il segretario della Uil Giovanni Sgambati: “Non tolleriamo che la Disney ostracizzi in questo modo i suoi dipendenti. Contrasteremo ogni azione che punti a mettere ai margini le organizzazioni sindacali” ha dichiarato a margine della manifestazione.

Leggi anche-> Costa d’Amalfi, lunedì il via alla vaccinazione del reparto turistico

Lo scorso 19 maggio l’azienda americana aveva iniziato le procedure per la liquidazione di tutte le sue attività sul territorio italiano. La decisione ricalca quanto già avvenuto in Nord America e in Canada, dove decine di store sono stati chiusi. Nel nostro paese sono a rischio i contratti di 230 dipendenti e rischiano la chiusura definitiva quindici punti vendita.