Calciomercato Napoli, dietrofront Conceição: cosa è successo

Calciomercato Napoli | Secondo la stampa portoghese la trattativa per Conceição sembra essere rallentata dalla proposta di rinnovo del Porto

Sergio Conceição
Sergio Conceição (Getty Images)

Da ieri mattina a Napoli non si parla che di Sergio Conceição, l’allenatore portoghese che sembra pronto a prendere il posto di Rino Gattuso sulla panchina azzurra. La notizia era stata lanciata dal Corriere dello Sport. Già in settimana potrebbe arrivare l’ufficialità, De Laurentiis vuole il vicecampione di Portogallo per il nuovo anno. Il suo Porto quest’anno si è infatti classificato al secondo posto dietro allo Sporting Lisbona ma la società non sembra intenzionato a farlo andare via così facilmente.

È delle ultime ore la notizia che il club portoghese incontrerà il tecnico 46enne per rilanciare l’offerta. In quattro anni con lui il Porto ha vinto due campionati e due coppe nazionali facendo anche bene in Champions League dove quest’anno ha eliminato la Juventus.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Il calciatore svela: “Ho firmato, me ne vado”

Calciomercato Napoli, la stampa portoghese su Conceição

Getty Images

Tutti danno Sergio Conceição come prossimo allenatore del Napoli. È certamente in pole position ma degli ostacoli ci sono. Il Porto per tenersi il suo allenatore gli proporrà un rinnovo di contratto per altri due anni ovviamente con ingaggio aumentato. Le cifre non si conoscono ma la trattativa può rallentare quella con il Napoli. A scriverlo è il quotidiano A Bola che riporta anche la notizia che il tecnico non ha ancora informato il presidente Pinto da Costa del suo addio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ancelotti, grave lutto in famiglia: morta l’ex moglie Luisa Ghibellini

Un dettaglio quest’ultimo che può far pensare alla volontà del tecnico di mantenere ancora la porta aperta con il club che l’ha messo molto in evidenza sul palco del calcio europeo. Il Napoli resta quindi in attesa e secondo il Corriere dello Sport la trattativa con gli azzurri sarebbe addirittura quasi saltata per delle divergenze contrattuali mentre era anche pronta la conferenza stampa di presentazione, prevista tra domani e giovedì a Roma.