Partita del Cuore, Aurora Leone cacciata perché donna: l’assurda vicenda

Vigilia assurda del trentesimo anniversario dalla nascita della Partita del Cuore: gli organizzatori hanno cacciato Aurora Leone in quanto donna. Il video dell’accaduto.

Partita del Cuore
Aurora Leone e Ciro Priello cacciati dalla Partita del Cuore (via screenshot)

Domani sera andrà in onda la Partita del Cuore, per la prima volta trasmessa sulle reti Mediaset. La Nazionale Cantanti sfida i Campioni per la ricerca: si tratta del trentesimo anniversario di questa manifestazione benefica a favore dello sviluppo. La vigilia dell’evento, però, è stata macchiata da una situazione che ha dell’assurdo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ancelotti, grave lutto in famiglia: morta l’ex moglie Luisa Ghibellini

Aurora Leone, una delle donne che formano il gruppo The Jackal, ha dovuto lasciare la location dell’evento. La ragazza, infatti, è stata cacciata in quanto donna. Insieme a lei ha lasciato l’evento anche l’altro componente del team napoletano, Ciro Priello. I due hanno raccontato quanto accaduto attraverso i propri profili social denunciando l’assurdità della situazione alla quale hanno assistito.

Partita del Cuore, gli organizzatori cacciano Aurora Leone perché donna: il video

Partita del Cuore
Il logo della Partita del Cuore in onda su Canale 5 il 25 maggio (via screenshot)

“Alla cena, questa sera, io e Ciro ci siamo seduti al tavolo con la Nazionale Cantanti. Uno degli organizzatori ci ha detto che non potevamo stare seduti lì, o meglio che Aurora non poteva stare lì”, hanno iniziato a raccontare Aurora Leone e Ciro Priello. Attraverso diverse storie pubblicate sul profilo ufficiale della ragazza, i due componenti dei The Jackal hanno spiegato l’assurdità di quanto accaduto. “Pensavamo di non poter stare lì perché appartenevamo alla squadra avversaria della Nazionale Cantanti. Quando facciamo per alzarci ci dicono che solo Aurora non poteva restare. Mi hanno risposto che non potevo stare seduta lì perché sono una donna”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Milan, chiuso il colpo: Donnarumma adesso dice addio

“Io sono stata convocata così come Ciro – ha risposto Aurora – e lui mi ha invitato a sedermi ad un altro tavolo, hanno raccontato. In un momento successivo alla cena, i due sono stati chiamati in disparte dal direttore generale della Nazionale Cantanti. Dopo aver spiegato l’accaduto, l’uomo ha rincarato la dose dicendo: “Tu mica giochi! Sei qui come accompagnatrice”. Aurora Leone, però, aveva con sé la convocazione come giocatrice per l’evento. “Mi hanno chiesto le taglie dei completini”, ha risposto la ragazza. “I completini te lo metti in tribuna, da quando in qua le donne giocano”, ha risposto l’uomo.

Il video

Di seguito il video tratto dalle storie caricate sul profilo ufficiale di Aurora Leone con l’assurda storia raccontata nel dettaglio.