Virus H5N8, cos’è e perché è pericoloso per l’uomo

Virus H5N8, si tratta dell’aviaria e dallo scorso autunno ci sono stati vari focolai negli allevamenti di pollame e negli uccelli salvatici

Virus H5N8
Getty Images

C’è un nuovo virus che spaventa gli scienziati e che potrebbe far molti danni. Si chiama H5N ed è stato reso pubblico dallo studio di due ricercatori cinesi sulla prestigiosa rivista Science. I firmatari sono Weifeng Shi del Shandong First Medical University e George Fu Gao del Chinese Centre for Disease Control and Prevention di Pechino.

È un nuovo virus aviario che in tutto il mondo ha già dato vita a focolai tra i polli e gli uccelli selvatici e alta è la mortalità riscontrata. Dall’Asia all’Europa ma anche in Africa: il patogeno ha colpito molte specie nel 2020 c’è il timore che possa diffondersi anche all’uomo così com’è avvenuto con il Covid-19.

Come nel caso del Coronavirus ci sono vari “membri della famiglia” e al momento quello che spaventa di più per la salute dell’uomo è il H5N8 che già da dicembre scorso ha fatto registrare dei casi in Russia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, il bollettino di oggi 21 maggio

Virus H5N8, in quali paesi è più diffuso

Virus H5N8
Allevamento di pollame (Getty Images)

Tra i tre continenti il virus nel mondo animale è stato trovato in 46 paesi e sette agricoltori di pollame in Russia sono risultati contagiati. I ricercatori dello studio hanno scritto che è opportuno tenere alta l’attenzione per evitare pericolose ricadute e conseguenze sull’uomo.

Il periodo di maggiore diffusione c’è stato tra l’autunno e l’inverso 2020. Tra i paesi europei più colpiti ci sono la Danimarca, l’Irlanda del Nord, il Regno Unito e i Paesi Bassi. In Asia focolai in Corea del Sud e in Giappone e in Medioriente sono stati registrati anche in Israele.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli, weekend di vaccini per tutti i maggiorenni: come prenotarsi

Una delle cause è la migrazione a lunga distanza di alcune specie degli uccelli selvatici e “dell’aumentata capacità di legame del recettore di tipo umano”, si legge dell’articolo pubblicato. Una maggiore vigilanza si chiede proprio per gli allevamenti di pollame.