Palma Campania, arrestato 30enne: spacciava la droga della pazzia

Palma Campania, i carabinieri perquisiscono la casa dei un giovane: trovata la yaba, hashish e 300 euro in contanti

Palma Campania
Palma Campania, i Carabinieri arrestato un cittadino del Bangladesh (Getty Images)

A Palma Campania i carabinieri hanno arrestato un 30enne del Bangladesh per detenzione di stupefacente ai fini di spaccio. Il giovane era già noto alle forze dell’ordine. Proprio in Bangladesh e in Thailandia, così come in altri paesi asiatici, questo tipo di droga è molto diffusa. Si tratta infatti della yaba, la cosiddetta droga della pazzia.

L’azione dei militari è partita dalla disposizione del comando provinciale di Napoli che sta lavorando in servizi antidroga. C’è particolare timore per questo tipo di stupefacente perché porta alle persone che ne fanno uso a compire gesti violenti. È stata trovata a casa del 30enne nel corso di una perquisizione. I militari hanno trovato anche 30 grammi di hashish e diversi materiali utili al confezionamento. Sequestrati anche 300 euro ritenuti proventi dell’attività di spaccio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli, arresti all’alba nel Rione Traiano: sgominato il clan Cutolo

Palma Campania, la droga della pazzia dal mercato asiatico

antidroga ercolano ischia
Foto Carabinieri

Si intensifica quindi il lavoro dei carabinieri di Napoli e provincia per prevenire e bloccare lo spaccio. La scoperta della yaba potrebbe essere un piccolo segnale: non è escludere infatti che dal mercato della droga asiatica sia giunta in Italia e nel Napoletano una grande quantità della droga della pazzia.

Se così fosse si tratterebbe di un segnale di allarme, un’attività che fa arricchire i trafficanti e un problema sociale se l’utilizzo fosse maggiormente diffuso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Camorra, blitz antidroga: 49 arresti nel Parco Verde di Caivano

Solo qualche giorno fa i carabinieri sono stati protagonisti di un blitz al Parco Verde di Caivano con l’arresto di 49 persone. I militari e la Direzione Distrettuale Antimafia hanno scoperto una vasta e ramificata rete che dal Napoletano andava fino a Bergamo.