Offese a Mattarella, perquisizione dei Ros in tutta Italia: 11 indagati

Offese a Mattarella, i carabinieri e i finanzieri hanno monitorato alcune attività web: coinvolto anche un docente universitario

Offese Mattarella
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella (Getty Images)

A seguito di attenti accertamenti la Procura della Repubblica di Roma ha emesso undici decreti di perquisizioni a carico di altrettante persone in tutta Italia. Le accuse sono offese all’onore del Capo dello Stato Sergio Mattarella.

Le perquisizioni sono state eseguite dai carabinieri del Ros supportati dai comandi della Guardia di Finanza di varie province, della capitale e di Latina, poi Bologna, Padova, Trento, Torino, Perugia e Verbania. Le undici persone soggetti di perquisizioni sono ora tutte indagate.

POTREBBEBE INTERESSARTI ANCHE >>> Mattarella sugli anni di piombo: “Bisogna fare piena luce”

Offese a Mattarella, il profilo degli indagati: sono vicini alla destra sovranista

Stalking e revenge porn
Getty Images

Le attività illegali di offese e istigazione a delinquere sono tutte avvenute via web. Non si tratterebbe di eventi isolati ma di una vera e propria strategia organizzata per colpire le più alte cariche dello Stato. Non è neanche il primo caso. L’indagine prese avvio già lo scorso anno quando ad agosto ci fu una perquisizione a Lecce a casa di un uomo di 46 anni. Allora all’attenzione delle forze ci concentrarono solo questa persona e da lì le indagini sono andate avanti, scoprendo un lungo filo che collega molte persone e non è escluso che ci siano coinvolgimenti esteri.

Analizzando i post e le ‘abitudini social’ delle persone coinvolte, è emerso che molti sono vicini agli ambienti di destra e che l’età media non è giovane: si va dai 46 al 65 anni e sono tutti impiegati e professionisti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> “Mattarella agente segreto degli inglesi”: l’ultima bufala del web

Tra loro c’è anche un docente universitario che sarebbe in collegamento con gruppi di militanti antisemiti della destra russa molto attiva sulla piattaforma web VKontakte, una sorta di Facebook russo. Le attività social analizzate sono del periodo che vanno da aprile dello scorso anno a febbraio 2021.