Pio e Amedeo, dura replica alle accuse degli ultimi giorni: le parole

Il monologo di Pio e Amedeo ha scatenato un acceso dibattito, al quale i comici pugliesi hanno risposto attraverso un post sui social.

Pio e Amedeo
I due comici rispondono alle accuse di questi giorni (via web)

L’ultimo monologo andato in onda su Canale 5 ha scatenato un intenso dibattito mediatico per le parole usate dai due comici. Divisa perfettamente in due l’opinione pubblica: da una parte c’è chi critica aspramente i termini utilizzati, dall’altra chi invece lo ha apprezzato.

Leggi anche-> Amici 20, Anna Pettinelli distrugge l’allievo: “Ciuccio e presuntuoso”

Il tutto ruota al concetto di politically correct, un fattore delicato e altamente rischioso. Tanto che sono stati gli stessi comici a rispondere a tutte le accuse, in un apposito post su Facebook dove spiegano nei minimi dettagli le loro intenzioni.

Pio e Amedeo, i motivi legati al monologo

Pio e Amedeo
In un post su Facebook difendono il loro operato (via web)

Se pensate di trovare delle scuse, qualcuno rimarrà deluso”. Il duo infatti spiega che coloro che li attaccano probabilmente non hanno visto integralmente il loro intervento. E che molti continuano ad essere prevenuti guardando la clip, non capendone il vero senso.

Per i due artisti infatti è inconcepibile che vengano accostati ad accuse di omofobia e di rapporti con una parte della politica. Ricordando come in passato sono scesi in campo a favore degli omosessuali, in un territorio molto complicato come la Russia. Insieme ad un personaggio importante come Vladimir Luxuria.

L’origine di tutte le polemiche

Guardando al contenuto del monologo, i due pugliesi hanno posto in luce la differenza tra intenzione ed attrazione. Il loro suggerimento è di utilizzare l’ironia, anche perché è molto difficile educare persone che invece presentano degli evidenti deficit culturali.

Leggi anche-> Daydreamer, anticipazioni 5 maggio: Sanem prova un sentimento inatteso

La cosa però non è piaciuta a molti. Dall’arcigay a noti personaggi politici in molti hanno criticato le parole utilizzate. Ma i due ribattono che è impensabile capire la sofferenza solo se si fa parte di una comunità apposita. La conclusione del loro post ringrazia coloro i quali, gay e neri ed ebrei, hanno capito il vero senso del loro messaggio.