Covid Italia, in arrivo 5,1 milioni di vaccini: le nuove dosi entro il 5 maggio

Altra buona notizia per l’Italia nella lotta contro il Covid, infatti entro il 5 maggio arriveranno altre 5,1 milioni di dosi dei vaccini: le consegne.

Covid Italia Vaccini
In arrivo nuove dosi dei vaccini in Italia (Getty Images)

Buone notizie per l’Italia che entro il 5 maggio riceverà ben 5,1 milione di vaccini per la lotta contro il Covid-19. Infatti il commissario straordinario all’emergenza, Francesco Paolo Figliuolo durante la sua visita in Basilicata ha confermato la notizia. Le consegne arriveranno dal 27 al 29 aprile con 2,5 milioni di dosi. Mentre invece le restanti 2,6 milioni di dosi arriveranno dal 30 aprile al 5 maggio.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Recovery, tensioni al Governo sul piano: slitta il Consiglio dei ministri

Inoltre sempre Francesco Paolo Figliuolo ha confermato l’ottima sinergia tra associazioni, volontari, Protezione Civile, medici, infermieri e operatori socio-sanitari. Prosegue, grazie all’ottimo coordinamento, il tracciamento del virus con l’analisi dei tamponi molecolari. Infatti proprio con l’analisi dei tamponi si riescono a circoscrivere i contagi, in modo tale da contenere il più possibile il virus.

Covid Italia, arrivano nuove dosi di vaccino: buone notizie per la campagna vaccinale

Covid Vaccini Italia
Arrivano in Italia altre dosi del siero di Pfizer (Getty Images)

Intanto la campagna vaccinale dell’Italia continua, con il paese che in attesa delle 5,1 milioni di dosi ha superato quota 17 milioni di vaccinazioni. In una settimana, quindi, il paese è riuscito a completare oltre 2 milioni e 700mila dosi somministrazioni. Migliora anche il fronte degli approvvigionamenti, con l’Italia che in questa settimana ha toccato quota 19.888.040 dosi. Quindi in una sola settimana il paese ha ricevuto più di 2.736.450 dosi rispetto alla scorsa settimana.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Ue, Von der Leyen sicura: “A luglio il 70% degli adulti vaccinati”

Allo stesso tempo crescono anche i punti vaccinali anche in Italia, che passano da 2276 a 2360 (+84). Inoltre si continua a dare priorità alle somministrazioni per i soggetti più a rischio. Nell’ultima settimana, infatti, la percentuale di over 80 che ha ricevuto la prima dose sale a 81,21% a livello nazionale. Crescono anche le somministrazione per gli anziani che occupano le Rsa, con ben il 94,93% degli ospiti che hanno ricevuto la prima dose.