Amazon, è guerra spaziale con SpaceX: cosa farà Bezos

Amazon si è distinta in questi anni per la diversificazione del proprio business. Ora Bezos lancia il suo guanto di sfida a Elon Musk.

Amazon
Jeff Bezos presenta un ambizioso piano per lo spazio (Getty Images)

La prossima frontiera del business è lo spazio. Lo sa bene Jeff Bezos, che ha deciso di fare concorrenza alla SpaceX, società fondata da Elon Musk. L’imprenditore di Amazoestende quindi i suoi interessi anche allo spazio.

Leggi anche-> WhatsApp, tre trucchi che nessuno conosce: grande novità per gli utenti

Ma l’imprenditore noto ai più per la sua azienda di consegne a domicilio non punta alla Luna. Il suo obiettivo rimane la Terra, con un piano ambizioso che potrebbe aprire nuovi scenari nell’ambito della digitalizzazione e delle infrastrutture per reti Internet.

Amazon, nuovi satelliti in orbita

Nello specifico il colosso statunitense promette di fornire banda larga a buon mercato, per tutti. Per fare ciò si servirà di un sistema di circa 3500 satelliti lanciati nello spazio. Questo in piena concorrenza agli Starlink, di proprietà di SpaceX.

Per fare ciò si serrvirà del supporto della United Launch Alliance, la joint venture nata da BoeingLockheed Martin. Il progetto, chiamato Kuiper, si servirà dei razzi Atlas V per spedire in orbita i satelliti. Non sono però ancora noti date e tempi dei futuri lanci.

Stanziate somme importanti per il progetto

Amazon
Il fondatore di SpaceX, Elon Musk (Getty Images)

La missione di Bezos dunque è chiara: diffondere la banda larga satellitare al maggior numero possibile di utenti. Per questo progetto sono stati stanziati 109 milioni di dollari. Sono promessi inoltre costi contenuti per assicurare la massima accessibilità del prodotto.

Leggi anche-> Netflix, è crisi nera: cosa sta accadendo

La missione si compone di 5 fasi, che però non sono ancora state svelate. Quel che è certo è che si allarga la platea di privati nello spazio. Attualmente sono 3: oltre al già citato Musk, figurano altri due attori. Sono la canadese Telesat, che possiede i Lightspeed ed il gruppo OneWeb nel quale una quota è posseduta anche dal governo britannico.