Università Federico II, le nuove disposizioni per la zona arancione

Con il passaggio alla zona arancione, vengono attuate nuove disposizioni per gli studenti dell’Università “Federico II” di Napoli. Ecco quali.

Università "Federico II"
Ritorno in aula per gli studenti dell’ateneo partenopeo (via web)

La Campania torna in zona arancione. Dopo due settimane di chiusure, il territorio ritorna a respirare e rimettersi in moto. Riprende anche l’attività scolastica, seppure gradualmente e non a tutti i livelli.

Leggi anche-> Coronavirus, il bollettino del 19 aprile

L’attività universitaria riprende anche alla “Federico”. In una circolare l’ateneo ha descritto in che modo sarà possibile tornare a lezione. Il tutto ovviamente dovrà avvenire nel rispetto delle normative Covid-19.

Università “Federico II”, come si rientra in aula

Università "Federico II"
Le regole non sono uguali tra lezioni e accesso alle altre aule (Foto di Foundry Co da Pixabay)

Da questo lunedì, le Scuole e i Dipartimenti potranno ritornare gradualmente a svolgere le lezioni. La priorità riguarda le classi meno numerose e ai corsi che hanno una durata maggiore residua. Disposizioni leggermente diverse per quanto riguarda esami e laboratori.

Leggi anche-> Campania, si torna in zona arancione: quali regole cambiano

Per i primi, sia di profitto che di laurea, c’è il via libera alla presenza così come le prove intercorso. Tuttavia permane anche la possibilità, fino al 30 Aprile, di svolgere tali attività in forma Dad o mista. In particolare sono preferite queste opzioni nel caso ci sia un’alta affluenza. Per quanto riguarda infine l’accesso a laboratori, attività di ricerca, utilizzo di biblioteche e accesso ai dipartimenti rimangono in vigore le disposizioni precedenti.