Eboli, chiede l’elemosina e viene picchiato dal branco: indagini in corso

Violenta aggressione a Salerno, dove un ragazzo di origini africane è stato picchiato mentre chiedeva l’elemosina: adesso è ricoverato in ospedale.

Salerno aggressione
Episodio di violenza ad Eboli, nel salernitano (Getty Images)

Gravissima aggressione ad Eboli, in provincia di Salerno, dove il branco ha preso di mira un cittadino di origine africana. Infatti l’episodio è avvenuto all’esterno del supermercato Pam, durante la mattina di giovedì. Stando a quanto raccontato dai testimoni oculari, il ragazzo era all’esterno dell’esercizio a chiedere l’elemosina. Ma all’improvviso, un gruppo di ragazzini ha accerchiato l’uomo, facendo partire l’aggressione.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Campania, come prenotare il vaccino per gli over 60: possibile da oggi

A segnalare il tutto alle autorità ci hanno pensato i dipendenti del supermercato. Mentre invece a testimoniare quanto successo ci sono anche le immagini delle telecamere di sicurezza del servizio commerciale. Al momento, già sono a lavoro i carabinieri, per individuare i responsabili dell’aggressione. Andiamo quindi a rivedere quanto successo durante il giovedì mattina nel salernitano.

Salerno, aggressione all’esterno del supermercato: partono le indagini dei carabinieri

Salerno aggressione
Le forze dell’ordine lavorano sull’aggresione ad Eboli (Getty Images)

Ad incastrare il branco di aggressori ci hanno pensato le immagini delle videocamere di sicurezza del supermercato Pam. Una violenza inaudita, con il branco di ragazzini che si è lentamente avvicinato al ragazzo di origini africane per poi scagliare calci e pugni. Uno degli aggressori, inoltre, aveva al guinzaglio un cane di grossa taglia, pronto a scagliarsi contro la povera vittima. Ma l’aggressione non finisce qui, con altri sette ragazzi che giungono sul posto per scagliarsi contro l’inerme ragazzo.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Terrorismo, tunisino espulso dall’Italia: era membro di un gruppo estremista

Dopo aver compiuto l’aggressione, i dieci ragazzi si sono dati alla fuga non rendendosi conto di essere ripresi dalle telecamere di videosorveglianza. Al momento le immagini incriminate sono proprio al vaglio degli inquirenti, avvertiti proprio da una telefonata dei dipendenti del supermercati. Il ragazzo di origine africana, portato al pronto soccorso, ha ricevuto cinque punti di sutura ed una prognosi di sette giorni di riposo.