Alessandro Cattelan, è tutto rimandato: grossi problemi

Alessandro Cattelan dovrà aspettare per il suo esordio in Rai. Alcune divergenze rimandano il suo esordio sulla tv generalista.

Cattelan
Nuovo programma Rai con un conduttore d’eccezione (Getty Images)

E’ un volto noto a chi negli anni ha avuto modo di seguire la programmazione su Sky. Ma adesso per il conduttore di XFactor è ora di arrivare sulle reti pubbliche. La RAI infatti lo avrebbe ingaggiato per condurre una rubrica di più puntate.

Leggi anche-> DMX, il cantante è scomparso all’età di 50 anni

Da Grande, questo il titolo della trasmissione, doveva andare in onda nei primi mesi di maggio. Alcuni inconvenienti hanno però rimandato il suo arrivo, come ha riportato il noto sito Dagospia.

Cattelan, le difficoltà legate al suo ruolo

Cattelan
Per il presentatore di XFactor è l’esordio sulla rete pubblica (Getty Images)

Il tema del programma ripropone storie reali e di vita vissuta. Verrà analizzato nello specifico l’esigenza di crescita, con alla guida una persona che si considera Peter Pan. L’esordio televisivo a questo punto potrebbe slittare al prossimo autunno.

Le cause secondo alcuni sarebbero economiche, essendoci la necessità di trovare degli sponsor adatti a finanziare il programma. Cosa che suona strana per l’emittente pubblica, che nel campo televisivo è quella che sembra aver retto meglio in questi mesi.

L’esigenza della perfezione

I veri motivi sono legati in realtà a Cattelan stesso. Che, sebbene sia noto agli spettatori della pay-tv, è praticamente uno sconosciuto agli occhi del pubblico del piccolo schermo. Da qui l’esigenza di essere perfetti ed evitare di trasformare il programma in un flop.

Leggi anche-> Sanremo 2022, c’è la conferma: condurrà Mara Venier, ma non sarà sola

Per questo a Via Mazzini starebbero già pensando a delle contromisure. Come ad esempio affiancargli dei volti noti della tv, in modo da attrarre sia il pubblico giovane ma anche quello più adulto. In questo modo si vede come l’azienda punti molto su di lui, cercando quindi di tutelarlo e supportarlo. A questo punto non resta che aspettare ulteriori comunicazioni, in attesa della definitiva luce verde.