Yahoo Answers, è ufficiale: addio alla più grande piattaforma di domande

Yahoo Answers chiude. Dopo sedici anni non ci sarà più il sito dove poter fare domande su tutti gli argomenti

Yahoo Answers
Yahoo Answers (foto Facebook)

Quando circa quindici anni fa il web cominciava ad essere di dominio pubblico (non era scontato che allora tutti avessero una connessione internet) i primi utenti ben conoscevano Yahoo Answers. Quando c’era un dubbio, per questioni più serie inerenti ad esempio materie scolastiche o semplici curiosità, non era raro porre una domanda sulla piattaforma

Chi non l’ha mai fatto, invece, si è trovato sulla pagina quando poneva le stesse domande altrove. Insomma, tutti hanno avuto a che fare fare con Yahoo Answers che oggi sono in pochissimi ad utilizzare. Probabilmente è questo il motivo per cui chiuderà.

L’azienda ha comunicato che entro il prossimo 4 maggio quelle domande e quelle risposte – spesso più sarcastiche che serie – chiuderà per sempre – Già dal 20 aprile non sarà più possibile postare domande.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> YouTube, viene nascosto agli utenti: cosa e perché

Yahoo Answers chiude dopo sedici anni

È la seconda volta che l’azienda chiude un servizio del genere. Precedentemente esisteva Q&A (Question & Answer) Ask Yahoo!. Fu messo in soffitta nel 2006 perché l’anno precedente fu già presentato Yahoo Answers. Era una sorta di grande comunità. Era come chiedere a una vasta folla come poter fare per risolvere un determinato problema, sperando che qualcuno avesse già avuto esperienza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> WhatsApp, migliaia di utenti ‘rimossi’ dalle chat in primavera: cosa succede

Chi leggeva le risposte sapeva che molte erano scherzose e quindi non attendibili ma i programmatori avevano messo a punto un sistema per dare più credibilità e serietà: le risposte venivano votate e così finivano in evidenza, una sorta di certificato di garanzia per quelle più attendibili. L’arrivo dei social ha anche cambiato il modo di cercare le cose sul web. In tanti ormai non si affidano più neanche ai motori di ricerca ma postano le proprie domande ai follower o agli amici.