Coronavirus, il bollettino di oggi 6 aprile

Coronavirus Italia, il bollettino Covid di oggi 6 aprile: contagi, positivi, guariti e morti a livello nazionale nelle ultime ventiquattro ore.

bollettino coronavirus
Bollettino coronavirus 6 aprile.

Quest’oggi il presidente della Repubblica Sergio Mattarella si è recato all’ospedale Spallanzani di Roma per la seconda dose del vaccino anti Covid Pfizer. Nato a luglio del 1941, tra pochi mesi compirà 80 anni: il capo di Stato, come aveva già annunciato a fine anno, ha atteso il proprio turno per la vaccinazione. Un gesto di grande correttezza, applaudito sia dalle forze politiche che dalla popolazione.

Nel tardo pomeriggio di oggi – informa l’agenzia Ansa – ci sarà una riunione tra Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e Ministero della Salute. Si discuterà del vaccino AstraZeneca: possibili limitazioni di età per la somministrazione del siero potrebbero arrivare anche dall’Ema (l’Agenzia Europea del Medicinale). Per la prima volta, infatti, Ema ha ammesso che potrebbe esserci un nesso tra la vaccinazione AstraZeneca ed i casi molto rari di trombosi verificatisi in vari Paesi. Giovedì ci sarà il pronunciamento europeo, a cui l’Italia con ogni probabilità farà seguito.

LEGGI ANCHE –> Isola dei Famosi sospeso: il programma non andrà in onda, il motivo

Il bollettino coronavirus di oggi 6 aprile

bollettino coronavirus
La situazione coronavirus in Italia.

Il bollettino di oggi: 7.767 contagiati, 421 morti, 21.733 guariti. 112.962 tamponi effettuati nelle ultime ventiquattro ore e tasso di positività in netto calo rispetto a ieri: 6,9% (-3,5%).

+6 terapie intensive | +552 ricoveri

LEGGI ANCHE –> Reddito di emergenza parte domani: come fare domanda 

Controlli dei NAS: il virus sui mezzi pubblici

Il comando Carabinieri per la Tutela della Salute ha avviato una campagna nazionale di controlli sui mezzi pubblici per verificare la corretta applicazione delle misure anti Covid su autobus e treni. L’analisi di 32 dei tamponi raccolti in superficie ha mostrato casi di positività per la presenza di materiale genetico riconducibile al virus. Queste tracce del virus certificano il transito ed il contatto di individui contagiati a bordo dei mezzi pubblici.