Denise Pipitone, il test del Dna dà un primo risultato: i dettagli

Denise Pipitone, eseguito il test tra Olesya Rostova e la famiglia russa anch’essa alla ricerca della figlia

Denise Pipitone
Denise Pipitone, attesa e speranza per la comparazione del gruppo sanguino con Olesya Rostova (screen YouTube)

Dopo oltre sedici anni il caso di Denise Pipitone è tornato sotto i riflettori anche se da anni la trasmissione Chi l’ha visto? li ha sempre tenuti accessi, senza abbassare mai la guardia. Da quando la ragazza russa Olesya Rostova, scomparsa alla stessa età di Denis, ha detto che sta cercando la famiglia, il caso ha ritrovato spazio sui media.

Anche una famiglia russa ha detto che sta cercando sua figlia, coetanea di Olesya e quindi di Denis. Il primo test del Dna tra la ragazza e la famiglia ha dato esito negativo, Olesya Rostova non è figlia di quella famiglia.

Una batosta quindi per chi come Piera Maggio, la mamma di Denis, sta cercando sul famiglia da quel maledetto 1 settembre 2004, ma una speranza per lei. Ieri del caso ne ha riparlato Barbara d’Urso a Pomeriggio 5 annunciando che il Dna ha sentenziato che la ragazza non è figlia della famiglia russa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoletani scomparsi in Messico, condannati due poliziotti

Denise Pipitone, lunedì i risultati di altri test

La foto di Piera Maggio e Olesya Rostova paragonate (screen YouTube)

La D’Urso ha affermato che lunedì ci saranno delle importanti novità. Un programma che va in onda in Russia, omologo di Chi l’ha visto?, darà in diretta i risultati del gruppo sanguino di Denis con quello di Olesya Rostova e che il programma Mediaset darà gli aggiornamenti.

Chi l’ha visto? ha comparato le foto della ragazza russa con Piera Maggio e delle somiglianze sono evidenti. Comparate anche le foto con la piccola Denis. Quelle somiglianze hanno riacceso la speranza ma Piera Maggio della bambina resta con i piedi per terra e attende i risultati certi, ha detto in un messaggio invito alla trasmissione di RaiTre.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bari, uomo accoltellato in strada: confessa ragazza 17enne

Ieri al programma della D’Urso c’è stato il collegamento con il consulente giudiziario Salvatore Musio. Ha evidenziato che ci sono delle compatibilità con la forma delle labbra e alcune parti del volto: “Manca il padiglione auricolare che sarebbe stato ricco di particolari”, ha detto.