Francobollo Repubblica Italiana, una serie particolare vale tantissimo

Un francobollo della Repubblica Italiana ha un assunto un valore molto elevato. Il suo prezzo potrebbe schizzare in alto grazie ad alcune caratteristiche particolari.

Francobollo Repubblica Italiana
Francobollo della “Sibilla Eritrea”

La passione per i francobolli può essere fruttifera, specie se questi sono molto rari. Negli anni molte stampe hanno portato gli appassionati ad accaparrarsi pezzi unici e rari, con cifre a volte considerevoli.

Leggi anche-> Bonus auto elettriche, contributo in base all’Isee: a chi spetta

Non fa eccezione l’asta che scadrà iul 4 aprile sulla piattaforma ebay. A essere battuto sarà il Francobollo della Repubblica Italiana, serie Michelangiolesca. Il pezzo da 30 lire fa parte di un’importante e pregiata produzione di francobolli.

Francobollo Repubblica Italiana, le caratteristiche

Le origini di questa emissione risalgono al lontano 1961. La prima caratteristica che balza all’occhio è l’affiancamento ad una serie già in corso, quella “Siracusana”. Entrambe avevano il medesimo valore, in modo da essere utilizzate in alternativa.

Leggi anche-> Bonus cultura 2021, al via le registrazioni: come ottenerlo. Tutti i dettagli

Un’altra caratteristica che la contraddistingue dalle altre edizioni è il reinserimento in corso di validità dopo una prima messa fuori corso. Nel 1968 si decretò la fine della stessa, che però rientrerà in piena operatività già dal 20 marzo del 1969.

Origini della denominazione

Francobollo Repubblica Italiana
I Francobolli si prestano a vari usi, con i più rari che aumentano il loro valore nel tempo (Getty Images)

Il pezzo messo all’asta fa parte di una collezione molto ricercata. Nello specifico sul pezzo da 30 lire è ritratta la “Sibilla Eritrea”, ritratta nella Cappella Sisitina. Secondo la tradizione cristiana, sarebbe lei che avrebbe profetizzato la Redenzione. Un altro esempio di tradizioni elleniche fuse nel cattolicesimo.

Guardando al francobollo esso ha un contenuto violaceo. Numerosi gli utilizzi fatti dagli italiani, soprattutto tra gli anni 60 e 70, periodo nel quale questa collezione ha ricevuto i maggiori gradimenti. Ad arricchirne il valore si aggiungono anche le caratteristiche delle macchine utilizzate, la dentellatura ed i colori, diversi a seconda dei vari tagli utilizzati. Insomma un richiamo del passato al quale è difficile staccarsi, anche se la quotazione di diverse centinaia di euro potrebbe enormemente salire nei prossimi giorni. Ma per i collezionisti della numismatica questi sono solo dettagli.