Campania, arriva l’ordinanza di Pasqua: cosa prevede

Una nuova ordinanza è stata diffusa dalla Regione Campania. Ci sono nuove disposizioni sui giorni di Pasqua ed alcune limitazioni sugli spostamenti.

Campania
Nuova ordinanza della Regione Campania (profilo facebook Vincenzo De Luca)

La regione Campania si organizza in virtù delle festività di Pasqua. L’obiettivo è quello di tenere sotto controllo la situazione, in modo da evitare il proliferare dei contagi. Nel frattempo prosegue la campagna vaccinale su tutto il territorio campano.

Leggi anche-> Ospedale del Mare, 21 gli indagati per la voragine nel parcheggio

Sul proprio profilo Facebook il governatore Vincenzo De Luca ha pubblicato un post, nel quale elenca le disposizioni principali. Vediamo ora nel dettaglio cosa si potrà fare e cosa sarà vietato nei giorni che ci accompagnano alle festività pasquali.

Campania, limitazioni anche per Sant’Anastasia

Campania
Limitazioni importanti su tutto il territorio (Foto di David Mark da Pixabay)

Per evitare spostamenti di carattere religioso, si vieta l’accesso nei giorni 3-4-5 aprile nella frazione Madonna dell’Arco nel comune di Sant’Anastasia. Uniche eccezioni gli spostamenti dovuti a motivi di necessità, oppure per esigenze lavorative.

Per lo stesso motivo medesimi divieti toccano i settori del trasporto pubblico e privato. I quali, nei giorni indicati, non potranno effettuare fermate all’interno della frazione. Per questo motivo è disposta anche la chiusura delle strade di accesso alla frazione medesima, di concerto con la Prefettura competente e individuate dal medesimo Comune.

Raccomandazioni a Diocesi e cittadini

Allo stesso tempo si fanno raccomandazioni alle Diocesi e alle istituzioni religiose affinché si rispettino le norme sanitarie. Così come si chiede ai comuni la massima vigilanza sulle strade e sulle piazze in prossimità delle imminenti manifestazioni religiose.

Leggi anche-> Vaccino Sputnik in Campania, contratto top secret: clausola di riservatezza

Rimane il divieto di spostamento al di fuori della regione, così come è consentito il rientro presso la propria dimora o residenza abituale. Infine è ammesso lo spostamento in Campania verso una sola abitazione privata tra le 5 e le 22. Il limite di persone riguarda due adulti, ai quali aggiungere i minori di 14 anni sui quali si esercita la potestà genitoriae e i portatori di disabilità, oltre alle persone non autosufficienti.