Morto Peter Kellner, il miliardario vittima di un incidente in elicottero

In Alaska è morto il famoso miliardario Peter Kellner. Originario della Repubblica Ceca, gli è stato fatale un incidente in elicottero, con la caduta del veicolo.

Kellner
L’imprenditore Peter Kellner è scomparso a 56 anni

Il miliardario Peter Kellner è morto in un incidente in elicottero con il quale viaggiava con alcuni amici in Alaska. L’incidente è avvenuto nei pressi del ghiacciao Knik, situato a nord-est di Anchorage per cause che sono ancora da chiarire.

Leggi anche-> Fisciano, 13 indagati per truffa nel sito di compostaggio

L’uomo, 56 anni, era all’86esimo posto tra i paperoni del mondo e primo in Repubblica Ceca. Il suo patrimonio era stimato intorno ai 15 miliardi di dollari. In Italia era noto per una partnership con la Generali, chiusa nel 2014 quando la seconda ha acquistato la quota del primo.

Kellner, la storia di un imprenditore di successo

Laureato in Economia, Kellner aveva iniziato a lavorare vendendo fotocopiatrici. Grazie all’apertura del mercato e alle privatizzazioni nel paese ceco, sfruttò le opportunità di guadagno. Riuscendo ad acquistare partecipazioni in diverse società dalle telecomunicazioni all’energia.

Grazie alle numerose acquisizioni, era riuscito a mettere da parte un totale di partecipazioni per 44 miliardi di euro. La sua società, la PPF, è diventata una dei maggiori attori nel mercato delle telecomunicazioni in Europa centrale ed orientale.

Le parole di cordoglio del portavoce di Zeman

Kellner
Aveva fatto fortuna in Repubblica Ceca e in Cina (via web)

Il vero affare era stato poi puntare sul mercato cinese. Dove l’imprenditore era arrivato nel lontano 2010, tanto da meritarsi la stima del presidente Zeman. Il quale lo aveva voluto con sé negli incontri tra Repubblica Ceca e la presidenza cinese di Xi Jinping.

Leggi anche-> Brescia, violenza contro la fidanzata: abbandonata nuda nel bosco

Il cordoglio arriva dal portavoce del presidente ceco. Il quale lo descrive come una persona di grande talento sul piano commerciale. La Ppf parla del suo fondatore come di una persona con grande etica nel lavoro e molto creativo. Allo stesso modo annuncia che i funerali si terrano in forma privata, invitando i giornalisti a rispettare la riservatezza chiesta dalla famiglia.