Brescia, violenza contro la fidanzata: abbandonata nuda nel bosco

Brutto episodio accaduto a Brescia. Una donna è stata vittima di violenza del suo fidanzato, che l’ha abbandonata senza vestiti in un bosco.

Brescia
Brutto episodio di violenza avvenuto nel bresciano (via web)

Ancora un episodiodi violenza accaduto tra Brescia e la stessa provincia. Una donna di 40 anni è stata infatti sequestrata dall’ex fidanzato 25enne. Il quale l’ha sequestrata e costretta a denudarsi in un bosco come punizione.

Leggi anche-> Rapinatori morti, la vittima del furto indagata per averli speronati

La notizia è stata riportata dal quotidiano Il Giorno. I vari episodi si sono svolti tra Brescia, Pompiano, dove è avvenuto il sequestro e Vestone dove la vittima ha subito una cocente umiliazione ai danni dell’ex partner.

Brescia le dinamiche della vicenda

Secondo la ricostruzione del quotidiano, la donna aveva lasciato il compagno. la decisione p stata presa a seguito di un ennesimo episodio di violenza. Dove la donna era stata presa a schiaffi dall’uomo per motivi legati alla gelosia. E così lei gli ha fatto trovare le valigie fuori la porta.

L’uomo ha implorato alla compagna di rivedersi, per poi sequestrarla. L’ha portata nel bosco, costringendola a spogliarsi e rimanere nuda. Successivamente ha preteso che la donna implorasse il perdono dopo aver troncato la relazione.

Immediato l’intervento delle forze dell’ordine

Brescia
Sul posto sono intervenuti i carabinieri (via web)

Alcuni passanti hanno notato il litigio molto acceso dei due, avvertendo immediatamente le forze dell’ordine. Recatisi sul posto, i carabinieri non hanno trovato il veicolo. Grazie però alle telecamere di videosorveglianza sono riusciti a ricostruire il percorso ed individuare l’uomo.

Leggi anche-> Caserta, focolaio in RSA: in diciotto risultano positivi

Con uno stratagemma gli uomini sono riusciti a fermare l’uomo e mettere in salvo la 40enne. Fingendo la necessità della donna nella vicina Stazione, l’uomo l’ha accompagnata e lì è stato posto in arresto. Successivamente è stato posto di fronte al gip, dove ha fatto scena muta. Il magistrato ha convalidato l’arresto. La donna invece si trova in una struttura protetta.