Vaccini Napoli, apre l’hub al Museo Madre: mercoledì tocca a Capodimonte

Napoli è pronta ad accelerare i vaccini, con l’apertura dell’hub al Museo Madre. Mercoledì verrà aperto anche il centro alla Fagianeria di Capodimonte.

Napoli Vaccini
Due nuovi hub per accelerare i vaccini a Napoli (Screenshot Instagram Regione Campania)

Non si arresta la campagna di vaccinazione nella Regione Campania, con Napoli pronta ad inaugurare altri due hub per continuare la somministrazione dei vaccini. Infatti, questa mattina, ha aperto l’hub vaccinale al Museo Madre d’Arte Contemporanea. La decisione arriva proprio per dare un’accelerata decisiva nella lotta al virus. Sono diversi gli esponenti politici che ipotizzano un’immunità di gregge da Luglio 2021. Uno di questi è Thierry Breton, commissario dell’Unione Europea, che non ha dubbi a riguardo.

POTREBBE INTERESSARTI >>>  Calciomercato Napoli, Osimhen andrà via: clamorosa decisione del club

Nel caos generale la Regione Campania sta provando a fare la sua parte con l’apertura del nuovo Hub. Ma quello del Museo Madre non sarà l’ultimo hub vaccinale aperto, infatti il 1° aprile toccherà alla Fagianeria di Capodimonte. A riportare la notizia ci ha pensato il Corriere del Mezzogiorno, che ricorda come proseguono le vaccinazioni al Museo, grazie agli oltre 120 convocati tra Over 80 e persone ‘fragili‘.

Vaccini Napoli, prosegue il piano campano: previsti 300 vaccinati al giorno

Vaccini Napoli
Continuano le vaccinazioni in Campania (Getty Images)

Intanto la Regione Campania ha confermato il proprio piano per le vaccinazioni. Infatti dopo l’apertura nel weekend, l’hub vaccinale del Museo Madre resterà chiuso fino a mercoledì 1 aprile, data di apertura del centro alla Fagianeria di Capodimonte. Da giovedì l’Hub al Museo verrà riaperto per altri due giorni per tutti i medici di base che hanno acconsentito a vaccinare, ma non nel proprio studio. In queste giornate saranno aperti 4 box per i vaccini, con le somministrazioni che continueranno fino al termine della settimana. Secondo i dati della scorsa settimana, inoltre, sono previste 300 somministrazioni al giorno.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Canale di Suez sbloccato: la portacontainer Ever Given rimessa a galla

Inoltre ci sono anche alcuni medici di base che hanno iniziato le vaccinazioni nei loro studi. Tra queste troviamo la somministrazioni per 67 pazienti fragili tra studio e domicilio, tra i 20 medici scelti dall’Asl. Inoltre già sono stati convocati i primi pazienti che effettueranno il vaccino alla Fagianeria di Capodimonte. Saranno circa 500 pazienti il primo giorno, mentre per venerdì i pazienti saliranno a quota 600. Inoltre nei primi giorni della prossima settimana si potrebbe arrivare addirittura a 800 somministrazioni al giorno. Infine, come ricorda il direttore dell’Asl Ciro Verdoliva, i pazienti dovranno arrivare in orario, massimo 30 minuti prima della convocazione.