Maximall Pompeii, si lavora al più grande centro commerciale del Sud

Maximall Pompeii, l’apertura era prevista quest’anno ma la pandemia ha rallentato tutto: tutti i dettagli

Maximall Pompeii
Progetto Maximall Pompeii (foto Facebook)

Nonostante la pandemia, pur se rallentati i lavori per quello che sarà il centro commerciale più grande del Sud Italia vanno avanti e forse alla fine del 2022 sarà aperto. Il cantiere del Maximall Pompeii sorgerà nel territorio del Comune di Torre Annunziata, non lontano dagli scavi di Pompei, tra la villa di Oplonti e il Vesuvio.

IrgenRe è la società che si sta occupando della realizzazione della grande opera. Inizialmente doveva essere inaugurato nell’anno in corso. I lavori erano cominciati a gennaio 2020 poi è arrivato il lockdown. Gli operai sono tornati sul cantiere in estate, durante la cosiddetta fase 2 ma poi c’è stata la seconda ondata.

L’enorme struttura non sarà solo un centro commerciale “ma anche un hub del turismo, dell’accoglienza, della ristorazione e del tempo libero“, si legge sul sito.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Moneta 2 euro rara, il valore oggi è assurdo: come riconoscerla

Maximall Pompeii, cinema con 8 sale e un teatro

Screen YouTube progetto Maximall Pompeii

Il progetto è davvero imponente. Su un’area di 200mila metri quadrati della ex sede di Italtubi, su due piani ci saranno 130 negozi e anche un hotel 4 stelle che gestito dal Gruppo Marriott Bonvoy, per la prima volta al meridione con oltre 135 camere.

L’auditorium di oltre 1000 posti avrà un cinema con 8 sale, un teatro e una sala per le conferenze. Non mancheranno ovviamente i ristoranti e la classica piazza con le fontane. Per turisti e tempo libero ci sarà un grande parco verde di 50 metri quadri, 30 posti per i bus turistici e per i clienti ben 5000 posti auto a disposizione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccinazioni in Campania: la Regione smentisce la fake news sui vaccini

Tra gli obiettivi tenere i turisti per più tempo. Da Napoli e Sorrento prima della pandemia erano milioni i cittadini stranieri che soprattutto in primavera estate assaltavano le spiagge e le bellezze storiche-culturali e paesaggistiche della costa, soffermandosi però per poco tempo. Il nuovo progetto vuole essere un centro commerciale ma anche un importante punto di riferimento culturale.