Napoli, proteste in piazza: lavoratori chiedono incontro con il Prefetto

Napoli, in piazza Plebiscito i lavoratori dei circhi che chiedono incontro con Prefetto. A Caserta c’è il comparto wedding planner

Napoli proteste lavoratori circhi wedding
In piazza Plebiscito a Napoli protestano i lavoratori dei circhi (Getty Immages)

Giornata di manifestazioni a Napoli con i lavoratori dei luna park e circhi che si sono radunati in corteo nelle vie del centro, da piazza Plebiscito a piazza Municipio dove hanno bloccato il traffico con via Medina. Con loro anche lavoratori dei settore matrimoni ed eventi con alcuni che si sono dati appuntamento anche a Caserta, davanti alla Reggia vanvitelliana.

Le attività di questo settore sono ormai ferme da un anno e davanti al Palazzo della Prefettura hanno chiesto la ripresa viste le pesante perdite economiche. Il punto centrale delle proteste non è l’ottenimento dei ristori perché giudicati insufficienti, ma poter ritornare a lavorare nel rispetto delle regole anti-Covid. È prevista in mattinata l’incontro con il Prefetto di Napoli Marco Valentini.

Chiedono un incontro con il Prefetto anche i riders che hanno aderito allo sciopero nazionale. Sono circa un centinaio pretendendo “diritti, salario e dignità” come recitano alcuni striscioni. Si sono recati anche loro in piazza Plebiscito e con l’accensione di alcuni fumogeni hanno bloccato il traffico nella zona di piazza Municipio per alcuni minuti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Campania, riapertura dei mercati: l’ordinanza

Napoli, Proteste dei circensi e dei wedding: “Perdite fatturato del 98%”

Questa mattina proteste anche davanti alla Reggia di Caserta (Getty Images)

Nel gruppo denominato Insieme per il Wedding si sono ritrovati davanti alla Reggia di Caserta, così come in altre città, i titolari di aziende di wedding planner e di aventi privati. Si fa pressione sui tempi, gli organizzatori di eventi vogliono riprendere a lavorare al più presto e soprattutto farlo con programmazione.

Pertanto chiedono una data dalla quale poter lavorare di nuovo, lamentando un fatturato che in alcuni casi arriva anche al 98% rispetto al 2019, ultimo anno dove hanno potuto organizzare gli eventi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus Campania, il bollettino Regione di oggi 25 marzo

Tra i manifestanti c’è la nota imprenditrice di Torre del Greco Cira Lombardo. Come riporta SkyTg24, ha dichiarato che nel 2019 il fatturato fu di un milione e centomila euro mentre lo scorso anno – quando in estate è stato possibile organizzare qualche evento – è stato di duecentomila euro.