Covid, pronto il tampone fai da te: possono usarlo anche i più piccoli

Covid, il tampone fai da te per l’Università di Milano che l’ha sviluppato e testato è pronto ma in Italia ancora non si usa

Covid tampone fai da te
Covid, per l’Università di Milano il tampone fai da te con il bastoncino è pronto all’uso

Già a novembre scorso il professor Gianvincenzo Zuccotti e il suo equipe dell’Università di Milano avevano proposto un metodo fai da te per il tampone. Un flaconcino di cotone tenuto in bocca alcuni minuti, imbevuto di saliva da portare poi in qualsiasi laboratorio per scoprire se si è positivi o meno al Covid-19.

Altri studi, a Parma e a Singapore, hanno dimostrato che un test molecolare fatto con il prelievo salivare è attendibile al 98%. Un metodo che velocizzerebbe i tempi ma soprattutto alleggerirebbe il carico di lavoro dei medici che potrebbero dedicarsi ai vaccini, dando così un’accelerata alla campagna ancora fin troppo lenta.

Elisa Borghi, Valentina Massa, Daniela Carmagnola e Claudia Dellavia sono le ricercatrici che hanno sviluppato il metodo che si basa su un protocollo dell’Università americana di Yale. Il professor Gianvincenzo Zuccotti a novembre scorso aveva detto a SkyTg24 che il sistema “è a posto e pronto all’uso” e che la proposta era stata avanzata più di una volta a livello regionale e ministeriale ma non c’era stata risposta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Governo, il ministro Bianchi: “Costruiremo una scuola degli affetti”

Covid, tampone fai da te: il Cts ha rinviato la discussione

Il presidente del Cts Franco Locatelli (screen YouTube)

Questo tipo di tampone è certamente più comodo rispetto al naso-faringeo ma ancora non viene utilizzato. L’Università milanese ha messo a punto il prototipo di bastoncino che possono usare anche i più piccoli, senza alcun supporto medico.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Moderna, arrivato in Italia il lotto più consistente di dosi del vaccino

Un metodo alla portata di tutti che potrebbe essere usato nelle scuole o in altri posti dove ci sono molti gruppi di persone. Da qualche settimana si usa in Francia ma in Italia manca ancora l’autorizzazione del Comitato Tecnico Scientifico o del Ministero della Salute. Nella riunione dello scorso 12 marzo del Cts all’ordine del giorno c’era il punto tamponi fai da te, non discusso per questioni di tempo e oggi non ha ancora una data.