Governo, il ministro Bianchi: “Costruiremo una scuola degli affetti”

Il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, ha reso noto il piano per la scuola e gli esami in presenza di superiori e medie: la situazione.

Scuola esami
Il nuovo ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi (Getty Images)

Da ormai un anno, gli studenti italiani hanno dovuto fare i conti con la didattica a distanza e le aperture e chiusure costanti. Almeno fino alla fine del periodo pasquale, quasi tutti seguiranno da casa le lezioni a causa della situazione epidemiologica del paese. Allo stato attuale, infatti, gran parte dell’Italia si trova in zona rossa e arancione, motivo per cui sono sospese le attività in presenza.

LEGGI ANCHE >>> Decreto Sostegni, tutte le misure ufficiali: dalle partite iva alla scuola

Intervenuto ai microfoni di Che tempo che fa, il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, ha spiegato questa decisione. “Siamo di fronte a quella che si chiama variante inglese. Non risparmia i bambini e colpisce le fasce più giovani. Questa misura è pensata e riflettuta per tutelare i più giovani, ha riferito.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Moderna, arrivato in Italia il lotto più consistente di dosi del vaccino

Il ministro Bianchi rende noto il piano per la scuola e gli esami di medie e superiori

scuola esami
Ingresso negli edifici scolastici al tempo del Covid-19 (Getty Images)

Nel corso dell’intervista, il ministro ha riferito il piano per quello che avverrà nei prossimi mesi. “Per gli esami di stato di quest’anno vogliamo che ragazzi e professori concordino un tema sul quale sviluppare in 40 giorni un elaborato da discutere in presenza, ha spiegato Bianchi. Questa tipologia di prova varrà sia per la scuola media che per la maturità.

LEGGI ANCHE >>> Napoli, muore in ospedale 20 giorni dopo il vaccino AstraZeneca

Il ministro, poi, ha difeso l’operato fatto fino ad ora da chi opera nell’ambiente scolastico perché si è fatto di tutto per non chiudere. E, inoltre, non accetta che si dica che la scuola è stata chiusa perché i ragazzi hanno proseguito la loro formazione in DaD. Sul futuro, poi, ha le idee chiare. La scuola per cui stiamo lavorando è una scuola affettuosa, in cui torni ad avere gli affetti per gli altri”.