Covid a Napoli, comincia la cura con gli anticorpi monoclonali: cos’è

Covid a Napoli trattamento con anticorpi monoclonali per un paziente di 57 anni. A Caserta va avanti la sperimentazione del vaccino italiano

Covid a Napoli
Covid a Napoli, a via il trattamento in Campania con gli anticorpi monoclonati (Getty Images)

Ieri a Napoli è partito il trattamento anti-Covid con anticorpi monoclonali bamlanivimab. La cura è avvenuta all’Ospedale del Mare e il paziente è un uomo di 57 anni individuato dall’assistenza domiciliare dell’Asl Napoli Centro 1. Il suo caso è complesso perché è iperteseo, dializzato e diabetico.

È la prima volta che avviene in Campania. Il trattamento infatti entrata ufficialmente nei trattamenti da poter utilizzare in Italia dal 9 marzo scorso quando c’è stato il via libera dell’Aifa, l’Agenzia Italiana del Farmaco.

L’impiego di questo trattamento sarà utilissimo anche per alleggerire la pressione sugli ospedali e in particolare sulle terapie intensive grazie alla collaborazione avviata tra tre soggetti: gli ospedali, le Asl con il loro sistema di assistenza domiciliare e i medici generali. Permetterà che le condizioni dei pazienti non si aggravino. L’anticorpo monoclonato bamlanivimab è diretto contro la proteina Spike con l’obiettivo di bloccare la carica virare e l’ingresso nelle cellule umane

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, il bollettino di oggi 20 marzo

Covid a Napoli, hub vaccinale alla Mostra d’Oltremare e alla Stazione Marittima

Covid Napoli
Getty Images

Per quanto riguarda il fronte vaccini, ieri importante novità in Campania. L’Asl Napoli 1 ha aperto il secondo hub presso la Stazione Marittima e sono stati chiamati 400 cittadini del mondo della scuola e dell’università per la somministrazione di AstraZeneca. Allestimento anche alla Mostra d’Oltremare con la dose di richiamo Pfizer per gli ultraottantenni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, c’è anche la super variante studiata al Ceinge di Napoli: cos’è

Buone notizie anche per un altro vaccino, l’italiano ReiThera sperimentato presso l’ospedale Sant’Anna e San Raffaele di Caserta. Il vaccino è entrato nella seconda fase e ieri sono stati cinque i volontari che hanno ricevuto la dose. Si andrà avanti per tutta la settimana con circa dieci persone che riceveranno il vaccino ogni giorno. Secondo il bollettino di ieri in Campania rilevati nuovi 2196 positivi su 20.921 tamponi molecolari effettuati. 28 i morti  con 16 persone decedute nelle ultime 48.