Coronavirus Campania, il nuovo piano vaccini contro il Covid

Coronavirus Campania, la Regione aggiorna il piano dei vaccini Covid dopo lo stop ad AstraZeneca. Cosa fare per i pazienti categorie fragili.

vaccini Campania
Piano vaccini in Campania

L’Unità di Crisi della Regione Campania si è riunita per un’analisi complessiva della situazione coronavirus e per l’aggiornamento del piano vaccini. Ad oggi il 90% del personale scolastico ed il 95% del personale sanitario è stato vaccinato. Attualmente è in corso la campagna per immunizzare gli over 70 e gli over 80, che prossimamente sarà intensificata.

In Campania è partita anche la campagna di vaccinazione riservata alle categorie fragili, da effettuarsi con vaccino Pfizer. Prevista un’accelerazione nella somministrazione delle dosi di siero anti Covid a partire dalla prossima settimana, quando cioè il Commissariato di Governo invierà alla Regione un quantitativo maggiore di vaccini. La somministrazione del vaccino AstraZeneca resta sospeso come nel resto del territorio nazionale in attesa di indicazioni dall’Agenzia Europea del Medicinale (EMA). Il nuovo via libera per l’Italia dovrà arrivare dal Governo e dal Ministero della Salute.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Campania, il bollettino Regione di oggi

Coronavirus Campania, il nuovo piano vaccini anti Covid

vaccini Campania
Vaccini (Foto: Aifa)

L’aggiornamento del Piano vaccinale della Regione Campania ha riguardato in particolar modo la vaccinazione delle categorie fragili. La procedura di adesione che riguarda queste categorie – si legge in una nota – è stata confermata ed integrata. Il dato sostanziale è che non tocca ai pazienti fragili né ai loro conviventi o assistenti la procedura di adesione sulla piattaforma regionale. È previsto pertanto che i medici di medicina generale individuino tra i loro assistiti coloro che appartengono alla categoria di “elevata fragilità”, registrandoli sulla piattaforma e certificandone lo status.

LEGGI ANCHE –> Salerno, vigile muore dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer

Inoltre, chi appartiene alla categoria di elevata fragilità può essere registrato anche dalle Aziende ospedaliere e i Centri regionali di riferimento che li hanno in ricovero e/o in cura per follow up. Da oggi 17 marzo è quindi aperta la piattaforma per l’inserimento delle adesioni dei pazienti fragili da parte dei medici di medicina generale

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Regione Campania (@regione.campania)

Quali sono le categorie fragili

  • Malattie respiratorie, cardiocircolatorie, neurologiche;
  • Diabete/endocrinopatie severe;
  • Fibrosi cistica;
  • Insufficienza renale;
  • Malattie autoimmuni;
  • Malattia epatica;
  • Malattie cerebrovascolari: evento ischemico-emorragico cerebrale che abbia compromesso l’autonomia neurologica e cognitiva;
  • Patologia oncologica;
  • Emoglobinopatie: pazienti affetti da talassemia, anemia a cellule falciformi;
  • Sindrome di Down;
  • Trapiantati;
  • Grave obesità;
  • Immunodeficienza da HIV.

Queste sono le categorie individuate dal Ministero della Salute: si tratta di persone estremamente vulnerabili o con disabilità grave. In conclusione, fanno sapere dalla Regione Campania che seguirà la convocazione presso i centri abilitati alla somministrazione dei vaccini. I tempi delle vaccinazioni con il siero Pfizer saranno – inevitabilmente – legati alla disponibilità dei vaccini.