Vaccino AstraZeneca, altro lotto sospeso in Campania

Covid, il vaccino AstraZeneca somministrato in Campania: sospeso un altro lotto dopo l’invio per verifiche all’Istituto Superiore di Sanità.

Vaccino astrazeneca
Due dosi del vaccino AstraZeneca (Getty Images)

In Campania sospeso un secondo lotto di vaccino AstraZeneca. L’Istituto Superiore di Sanità ha richiesto alla Regioni di inviare campioni di fiale prodotte con la formula anglo-svedese, non appartenenti al lotto bloccato ieri in Italia. In questo modo l’ISS potrà procedere con analisi comparative e bloccare in via precauzionale altri lotti di vaccino. Ed è proprio ciò che è successo in Campania, da cui è partito per gli approfondimenti del caso il lotto AV6096. A riferirlo è l’agenzia Ansa.

La scelta è ricaduta proprio su questo lotto in seguito ad un decesso sospetto. Il siero anti Covid era stato inoculato a Vincenzo Russo, un uomo di 58 anni impegnato come bidello in una scuola di Casalnuovo (Napoli) deceduto tre giorni dopo la somministrazione.

LEGGI ANCHE –> Speranza: “I vaccini sono sicuri, 400 mila dosi in due giorni”

Vaccino Astrazeneca, altro lotto sospeso in Campania

vaccino AstraZeneca
De Luca vaccino (Facebook: Vincenzo De Luca)

La salma dell’operatore scolastico deceduto dopo il vaccino è stata posta sotto sequestro dalla Procura di Nola. Oggi è avvenuto l’esame autoptico, domani ci saranno i funerali. Martedì l’uomo si era recato alla clinica Villa dei Fiori dopo aver accusato dei malori, ma le due condizioni non sembravano preoccupare. I familiari hanno presentato un esposto per chiarire se esiste una correlazione tra la scomparsa di Vincenzo ed il vaccino AstraZeneca ricevuto nei giorni scorsi.

LEGGI ANCHE –> De Luca: “Indifferenza delle istituzioni, novità sui vaccini”


Il lotto bloccato ieri dall’AIFA (Agenzia italiana del farmaco) era il numero ABV2856. Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, ha analizzato oggi i dati del Report di Monitoraggio dell’epidemia di Covid-19 nel nostro Paese.

Ecco quanto affermato: “In Italia c’è un’incidenza settimanale di 225 casi per 100.000 abitanti e nel prossimo monitoraggio supererà i 250, un trend netto in crescita. Molte Regioni sono oltre la soglia, l’incidenza aumenta per tutte le fasce d’età. Per la sesta settimana consecutiva si registra un peggioramento del livello di rischio e l’aumento delle terapie intensive supera la soglia critica. Indice di contagio Rt a 1.16, è necessario riportarlo sotto l’1 anche negli intervalli di confidenza”.