Italia in zona rossa dal 3 al 5 aprile, è ufficiale: altre misure in fase di studio

Italia in zona rossa, molte regioni entreranno nella fascia emergenziale con più restrizioni: le misure per il weekend di Pasqua

Italia zona rossa
Getty Images

Dalla riunione che l’esecutivo sta avendo con Regioni ed Enti locali è emersa qual è l’intenzione del governo per le festività pasquali, sulla stessa falsariga di Natale: dal 3 al 6 aprile tutta l’Italia sarà in zona rossa. Queste disposizioni saranno contenute in un decreto legge che sarà in vigore da lunedì 15 marzo a lunedì 6 aprile.

La riunione tra le parti è in corso in videoconferenza e in mattinata ci sarà il Consiglio dei Ministri. Successivamente nel pomeriggio, presumibilmente alle 15, è atteso l’intervento del premier Draghi all’hub vaccinale di Fiumicino.

Si attende la riunione della Cabina di regia e la validazione dei dati da parte del Comitato Tecnico Scientifico ma la tendenza è ormai chiara. Dalla settimana prossima la maggior parte del territorio italiano (forse 16 regioni su 20) sarà in zona rossa vista la crescita dei contagi causata soprattutto dalle varianti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Campania, riprende la somministrazione del vaccino AstraZeneca: le ultime

Zona rossa, il nuovo criterio per entrare nella zona con maggiori restrizioni

Italia zona rossa
Italia in zona rossa (Getty Images(

La riunione del governo con gli Enti locali (esecutivo rappresentato dal ministro della Salute e Speranza e dagli Affari Regionali Gelmini), serve al governo per informare sulle decisioni che saranno prese.

Sarà più facile entrare in zona rossa: con 250 positivi su 100mila abitanti si entra automaticamente nella fascia più a rischio. Ma ci sono ancora dei punti sui quali si discute come l’abbassamento della soglia dell’Rt per entrare in zona arancione, ora ferma a 1. Resta ancora aperta l’ipotesi di anticipare il coprifuoco che al momento è alle ore 22.00.

Al momento in zona rossa ci sono tre regioni, Campania, Molise e Basilicata, più altre province in tutta Italia e singoli Comuni. Speranza dovrebbe firmare le ordinanze dopo l’entrata in vigore del nuovo decreto legge.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, il bollettino dell’11 marzo

Alle succitate tre Regioni si dovrebbero aggiungere la Lombardia, l’Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Marche e Veneto. Lazio a limite tra zona arancione e zona rossa. Calabria e Umbria dovrebbero mantenere il colore arancione. Le uniche regioni con i colori che danno meno restrizioni sono le grandi isole con Sicilia in zona gialla e la Sardegna in zona bianca per la seconda settimana consecutiva.