Morto il traduttore Claudio Segagni: ha lavorato per Inter, Roma e Juventus

E’ morto questa mattina Claudio Segagni, famoso traduttore nel mondo del calcio. Durante la sua carriera ha lavorato per Inter, Roma, Juventus e Arsenal.

Morto Claudio Segagni
Il traduttore in compagnia di Francesco Totti durante il periodo alla Roma (via WebSource)

Questa mattina è morto all’età di 48 anni il traduttore Claudio Segagni a causa di un malore improvviso. L’interprete ha gravitato nel mondo del calcio per oltre venti anni, prestando servizio per club importantissimi come Roma, Inter, Juventus e addirittura all’estero con l’Arsenal e con la Nazionale durante il Mondiale 2010. Negli ultimi anni si è cimentato anche come opinionista per Top Calcio 24 e Sportitalia.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Napoli-Bologna, Osimhen recuperato: titolare o panchina?

Solamente la settimana scorsa sui propri canali social aveva postato una foto in compagnia di Kevin Prince Boateng, centrocampista del Monza. Il traduttore durante la sua carriera ha collaborato anche al fianco di Josè Mourinho quando giunse alla corte dei nerazzurri. Sono diversi i messaggi di cordoglio e affetto che sono arrivate nelle ultime ore sui social, andiamo a vedere i più importanti.

Morto Claudio Segagni, i messaggi di cordoglio sui social: il saluto del mondo del calcio

Morto Claudio Segagni
L’ultima foto postata sui social dal traduttore (via Screenshot)

Sono tantissimi i messaggi che d’affetto arrivati alla famiglia Sagagni sui social. Il primo è stato quello della Roma che ha postato un tweet con scritto: “Ciao Claudio“. In allegato era una presente una foto del traduttore con la tuta giallorossa al primo anno di Rudi Garcia nella Capitale.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Hamsik firma con il nuovo club: tutto fatto per il ritorno in Europa!

Poi è arrivato anche il messaggio dell’emittente Sportitalia che sui propri social ha scritto: “Sportitalia si unisce al dolore della famiglia per l’improvvisa scomparsa di Claudio Segagni. Vogliamo ricordarti così, con il tuo sorriso e la tua cordialità che portavi spesso nelle nostre trasmissioni“. Il calcio italiano e mondiale saluta quindi uno dei suoi interpreti più apprezzati, capace di unire la sua passione per lo sport, con il suo lavoro da traduttore.