Papa Francesco, preghiera per la pace e chiesto rispetto per le donne

Papa Francesco si avvia alla conclusione del suo viaggio in Iraq. Il pontefice si è rivolto alla comunita irachena, auspicando la pace. Messaggio anche per le donne.

Papa Francesco
Papa Francesco in viaggio in Iraq (Getty Images)

 

Il viaggio di Papa Francesco in Iraq arriva a Qaraqosh, dove risiede una comunità cristiana che ha subito le persecuzioni dell’Isis. Qui il pontefice ha diffuso il suo messaggio a favore delle donne, delle quali si celebra domani la giornata loro dedica.

Leggi anche-> Papa Francesco in strada a Roma, la sorpresa dei cittadini: i motivi

Il ringraziamento va in particolare alle madri. Il Santo Padre le ha definite come coraggiose, specialmente in un Paese dove continuano a subire soprusi e angherie. Donne che meritano maggiori tutele e che a suo dire dovrebbero avere più attenzioni ed opportunità.

Papa Francesco ed il suo importante viaggio in Iraq

Il Papa poi si rivolge a tutta la comunità. Esprime profonda tristezza per i segni della guerra e dell’odio, ancora visibili sul territorio. Tante cose devono essere ricostruite, con l’incontro che può essere un punto di ricongiungimento tra i vari fedeli di religioni diverse.

Leggi anche-> Il Vaticano contro i no-vax: “Saranno licenziati”

Infatti per lui il terrorismo non avrà mai l’ultima parola. Esiste una speranza di sconfiggerlo, così come la morte. E quella speranza va ritrovata in Dio, che può guidare attraverso la fede anche nelle più immani devastazioni ed atrocità.

Incontro anche nella città di Mosul

Papa Francesco
Il papa ha visitato anche Mosul (Getty Images)

Mosul il Papa ha parlato delle vittime dei conflitti armati. Una crudeltà, visto che nella culla della civiltà si è consumata una vera e propria barbarie. Danni incalcolabili, a suo modo di vedere, anche per la società che dovrà purtroppo farsene carico.

Il pontefice infine prega per un ritorno alla diversità e al rispetto. Soprattutto in Medio Oriente, dove i cattolici hanno subito le maggiori persecuzioni. A suo modo di vedere, una riduzione dei fedeli indebolirebbe il tessuto sociale e culturale della civiltà irachena. Già martoriata da anni di conflitti e faide tra gruppi etnici e religiosi.