Coronavirus, il bollettino di oggi 5 marzo

Coronavirus Italia, il bollettino di oggi 5 marzo: contagi, positivi, guariti e morti a livello nazionale nelle ultime ventiquattro ore.

Bollettino coronavirus
Bollettino coronavirus 5 marzo

Il nuovo monitoraggio settimanale ad opera dell’Istituto Superiore di Sanità mostra che l’epidemia in Italia accelera. Indice di contagio (Rt medio calcolato sui casi sintomatici) sale a 1,06, aumenta l’incidenza a livello nazionale (194,87 per 100.000 abitanti) e cresce il tasso di occupazione in terapia intensiva (26%). L’indice di contagio per la prima volta in sette settimane supera quota 1.

Il quinto rapporto ISS-Istat sulla mortalità: 746.146 decessi nel 2020, si tratta del picco massimo in Italia dal secondo dopoguerra. 75.891 morti per Covid-19 tra febbraio e dicembre (incidenza media nazionale del 10,2%)

LEGGI ANCHE –> Sanremo 2021, la scaletta di stasera!

Il bollettino coronavirus oggi 5 marzo

bollettino coronavirus oggi
Il bollettino coronavirus di oggi.

Coronavirus Italia, il bollettino di oggi: 24.036 contagi, 297 morti, 13.682 guariti. 378.463 tamponi effettuati nelle ultime ventiquattro ore e tasso di positività in lieve calo: 6,4% (-0,4%).

+50 terapie intensive | +217 ricoveri

LEGGI ANCHE –> Record di casi in Campania: scatta la zona rossa!


Nella settimana 22-28 febbraio dopo un periodo di crescita si osserva una netta accelerazione nell’aumento dell’incidenza a livello nazionale rispetto alla settimana precedente (194,87 per 100.000 abitanti (22/02/2021-28/02/2021) vs 145,16 per 100.000 abitanti (15/02/2021-21/02/2021), dati flusso ISS.) L’incidenza nazionale nella settimana di monitoraggio, quindi, si allontana da livelli (50 per 100.000) che permetterebbero il completo ripristino sull’intero territorio nazionale dell’identificazione dei casi e tracciamento dei loro contatti e anzi si avvicina alla soglia di 250 casi per 100mila abitanti.

Usare la mascherina, insieme alle norme d’igiene e di distanziamento, può fare la differenza contro il virus e le sue varianti. “Non abbassiamo la guardia, tiriamo su la mascherina” incoraggia il Ministero della Salute.