De Girolamo, battibecco con Anzaldi per presenza Casalino in puntata

L’ex deputata polemizza con Anzaldi per la presenza di un noto personaggio nel suo programma “Ciao Maschio”. Si tratta di Rocco Casalino, ex portavoce del premier Conte.

De Girolamo
Nunzia De Girolamo difende la sua trasmissione (Getty Images)

Polemica tra Michele Anzaldi, politico di Italia Viva, e Nunzia De Girolamo. Il motivo è da ricollegarsi alla presenza di Rocco Casalino nella trasmissione ‘Ciao Maschio’, condotta dalla ex parlamentare. Critiche riguardanti l’assenza di un contraddittorio.

Leggi anche-> Zingaretti: “Renzi ha voluto abbattere il Conte Bis”;

Se davvero a Casalino sarà permesso di andare in tv a criticare Renzi, MeloniSalvini dopo due settimane di monologhi ininterrotti, credo che a questo punto l’ad Salini dovrebbe dimettersi. Questa propaganda non ha nulla a che fare con l’intento del programma” ha tuonato il segretario della Commissione di vigilanza Rai.

La De Girolamo ribatte e respinge le accuse

Lo stesso segretario poi giunge: “E’ difficile capire il perché della presenza di un politico in televisione. Vi è un potenziale conflitto di interessi, oltre al fatto che Casalino, che non ha nessun ruolo ufficiale, venga consentito di calunniare dei segretari di partito”.

Leggi anche-> Decreto Ristori 5, Draghi prevede nuove misure: i dettagli

Immediata la replica all’Adnkronos della De Girolamo: “Come ho già detto, nella mia trasmissione non si parla di politica. La presenza di politici ha come obiettivo quello di rivelare e scoprire il loro lato umano. Se pongo una domanda sulla sua omosessualità, mi pare logico non censurarne la risposta”.

La presentatrice ricorda la presenza di altri politici

De Girolamo
Nunzia De Girolamo con il marito (Photo by Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)

Viene inoltre ricordata la presenza di altri politici nella trasmissione: “Applichiamo le stesse regole fatte rispettare con De Magistris prima e Crosetto poi. Consiglio all’onorevole Anzaldi di guardare prima la puntata e poi giudicare”.

Sono le regole della democrazia, anche quando si dicono cose che potremmo non condividere. Regole che, per fortuna, hanno determinato e determinano la vita democratica del nostro paese” conclude la conduttrice.