Covid, varianti inglese e brasiliana nelle acque di scarico: il report

Un report che ha analizzato acque di scarico del nostro paese ha evidenziato la presenza al loro interno di varianti. E’ il primo studio del genere sul Covid.

Covid
Nuovo studio sul Covid e sulle sue varianti (Getty Images)

Varianti inglese e brasiliana nelle nostre acque di scarico. E’ quanto afferma l’Istituto Superiore di Sanità, che dichiara come questo sia uno dei primi studi del genere condotti al mondo. I risultati spiegano anche come si siano diffuse all’interno del nostro paese.

Leggi anche-> Covid, paura per nuova variante scoperta a New York

La ricerca, guidata da vari dipartimenti dell’ISS ed in collaborazione con lo studio Zooprofilattico di PugliaBasilicata, ha avuto come guida le due direttrici dei dipartimenti. Per la sezione “Ambiente e Salute” Giuseppina La Rosa, per “Sicurezza alimentare, Nutrizione e Sanità pubblica veterinaria” Elisabetta Suffredini.

Covid, il risultato degli studi

Nel dettaglio sono state trovate varianti inglese e brasiliana nelle acque reflue di Perugia in campioni raccolti dal 5 all’8 febbraio. Un esame che permette di tracciare quanto avviene sul piano del contagio, dato che proprio la seconda variante ha costretto la regione umbra a pesanti restrizioni.

Leggi anche-> Nuovo Dpcm, Sileri: “Timore varianti, manterrei blocco tra regioni”

Sono studi”-dice Luca Lucentini, direttore del reparto Qualità e Salute-“che provano la bontà delle analisi sulle acque per analizzare e prevedere i trend epidemici. Inoltre è possibile anche esplorare e capire come varia il virus nel tempo”.

Presente anche la variante spagnola

Covid
Uno studio che permette di capire i trend di mutazione del Covid (Photo by Karl Schuh/Getty Images)

In altre analisi, effettuate in Abruzzo, è stata invece trovata la variante spagnola. Meno nota delle precedenti, è però la prima ad essere stata scoperta in Spagna nel giugno del 2020. In una nota dello stesso ISS viene spiegato come è avvenuta questa serie di test.

E’ stato sviluppato un metodo in grado di prevedere l’amplificazione e il sequenziamento di una parte del gene S contenente specifiche mutazioni in grado di caratterizzarle” spiegano. Un esame che è prima partito dai tamponi faringei ed è stato poi applicato anche per esaminare le acque reflue.