Nuovo Dpcm, Speranza non ha dubbi: “Non si possono allentare le misure”

Manca poco alla pubblicazione del nuovo Dpcm, con il Ministro della Salute, Roberto Speranza, che esclude l’allentamento delle misure di sicurezza.

Nuovo Dpcm
Il ministro della Salute rilascia le prime indiscrezioni sul decreto (Getty Images)

Preoccupa la diffusione delle varianti del Covid-19 in Italia. Infatti il paese ha visto un nuovo incremento dei casi, con circa il 30% dei tamponi positivi appartenenti alla variante inglese, che risulta più trasmissibile. Il tutto mentre il governo Draghi discute il nuovo Dpcm e con il Ministro Speranza che inizia a dare le prime indicazioni. Infatti, proprio Speranza ai microfoni annuncia che non ci sono oggi le condizioni per allentare le misure.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vaccino AstraZeneca, nuovo obiettivo per l’Italia: “5 milioni di dosi a marzo”

Un’affermazione che spegne ogni entusiasmo ed apre a nuove zone di colorazione, come la zona arancione scuro in cui sarà vietato lo spostamento nelle seconde case. Il Ministro della Salute ripone tutte le speranze nella scienza e nel lavoro quotidiano del personale sanitario. Però comunque Roberto Speranza ha cercato di mandare un messaggio di ragionata fiducia, affermando di vedere la luce in fondo al tunnel. L’importante però è non abbassare la guardia, visto che la variante inglese è presente in tutto il mondo.

A segnalare un graduale aumento della curva pandemica, infatti, ci ha pensato la cabina di regia che segnala un aumento di casi per la terza settimana consecutiva. Adesso l’indicenza è salita a 200 casi per ogni 100mila abitanti in 3 regioni. In cinque regioni le terapie intensive sono salite sopra la soglia critica del 30%, mentre a livello nazionale il dato scende al 24%. Inoltre negli ultimi giorni c’è anche un aumento dei ricoveri.

Nuovo Dpcm, Speranza annuncia: “Rt pronto a superare l’1 a livello nazionale”

Nuovo Dpcm Speranza
Il ministro della Salute, Roberto Speranza (Getty Images)

Il Ministro della Salute, Roberto Speranza ha riportato anche un aumento dell’Indice Rt nell’intero paese, con il dato che si attesta allo 0,99. Inoltre sono dieci adesso le regioni con un indice Rt superiore ad uno. Speranza si è poi soffermato sull’importantissimo ruolo che ha avuto il Comitato tecnico scientifico, ringraziandolo per il lavoro fatto. La situazione attuale non è confortante non solo per l’Italia ma per il mondo intero.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Morto Antonio Catricalà, ipotesi suicidio per l’ex Sottosegretario

In Europa, infatti, andiamo verso un contagio per ogni 10mila abitanti ed a un deceduto ogni 530 abitanti. Speranza ha poi spiegato: “La Gran Bretagna è in lockdown da 2 mesi, il Portogallo è in lockdown. La Spagna ha adottato misure molto restrittive, la Germania ha adottato il lockdown da metà dicembre. In Francia ci sono regole restrittive, nell’ultima settimana il paese ha registrato una media di 22mila casi al giorno“.

Una situazione che quindi risulta critica per il mondo intero. Infatti anche la Svezia, il paese con meno regole per contenere il contagio, ha deciso di imporre una legge che conferisce al governo il potere di istituire un lockdown totale. Così Speranza conclude affermando che l’Italia si avvia verso una linea europea di prudenza e di tutela della salute, concludendo che non è escluso un ulteriore stretta riguardante le restrizioni.