Gattuso a rischio esonero, De Laurentiis è una furia: i possibili sostituti

Gennaro Gattuso, allenatore del Napoli, dopo la partita contro l’Atalanta torna nuovamente a rischio esonero: i possibili sostituti.

Esonero Gattuso
Gennaro Gattuso, tecnico del Napoli (Getty Images)

Il Napoli si chiude in silenzio stampa. La notizia della serata di ieri, dopo il match perso contro l’Atalanta, non può essere che questa. Ai microfoni di Sky Sport, infatti, non ha rilasciato alcuna intervista nessun tesserato azzurro.

Stando a quanto riferisce l’edizione odierna de Il Mattino, l’ordine è arrivato da un De Laurentiis su tutte le furie. Il patron azzurro ha chiamato il direttore sportivo Giuntoli, il figlio vice presidente Eduardo palesando tutto il suo malcontento. Da qui nasce l’esigenza di chiudersi in silenzio stampa che, secondo il quotidiano, potrebbe durare fino alla fine del campionato in corso.

Non si potranno avere spiegazioni da Gattuso in merito al doppio cambio sul corner che ha portato al gol di Romero e neanche sulle altre scelte. Bisogna tener conto dei tanti infortuni che stanno costringendo il tecnico a scelte forzate, ma l’alibi non regge se si considera l’atteggiamento dei calciatori in campo. Aleggia, quindi, il costante rischio esonero.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Infortunio Osimhen, l’attaccante è in ospedale: come sta

Gattuso rischia l’esonero: i possibili sostituti in orbita Napoli

Esonero Gattuso
Gennaro Gattuso, tecnico del Napoli (Getty Images)

Dopo la partita, sui social è spopolato l’hashtag #Gattusoout. Il malcontento, tra i tifosi, non tarda a manifestarsi. Da settimane, ormai, il tecnico è costantemente sotto esame. Nel mese di gennaio sembra essersi rotto qualcosa con la dirigenza dopo la fuga di notizie di alcune chiamate del patron De Laurentiis ad altri allenatori.

LEGGI ANCHE >>> Serie A – Atalanta-Napoli: highlights, voti, pagelle e tabellino

I sostituti – Il nome più plausibile resta quello di Rafa Benitez. L’ex tecnico del Napoli, infatti, ha lasciato la Cina a gennaio ed ora sarebbe libero. Un suo ritorno, però, si concretizzerebbe solo al termine del campionato in corso.

Sarebbe avvenuta anche una chiamata tra De Laurentiis e Maurizio Sarri. L’ex Juve avrebbe gentilmente declinato l’offerta perché un ritorno a Napoli non sarebbe nei suoi programmi.

Due nomi restano più defilati: Massimiliano Allegri e Luciano Spalletti. Due tecnici molto preparati, ma al momento non ci sarebbe nulla di concreto.

Nelle settimane scorse, inoltre, il patron De Laurentiis ha effettuato alcuni sondaggi per Juric e Italiano.