Vaccini, a Roma via alla campagna per le forze dell’ordine

Vaccini, a Roma in sei diversi hub questa mattina somministrazione per polizia, carabinieri, CdF e Vigili del Fuoco under 55

Vaccini
Getty Images

Continua la campagna di vaccinazione in Italia vista soprattutto la preoccupazione per le varianti che hanno anche costretto alcuni territori alle restrizioni della zona rossa. Da oggi a Roma al via la somministrazione per gli uomini delle forze dell’ordine. In programma 820 vaccini al giorni con le fiale di AstraZenica.

Le dosi sono per gli uomini della Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e Vigili del Fuoco che non hanno superato i 55 anni di età. Sono stati organizzati cinque punti vaccinali.

L’hub più grande è quello di Fiumicino con 400 vaccini, 600 a Guidonia, alle porte della capitale, 100 a Valmontone, 60 a Santa Severa e altrettanti al centro di Villa Albani ad Anzio. Il numero di somministrazioni al giorno è destinato a salire poiché in settimana arriveranno altre dosi per vaccinari gli agenti della Polizia locale.

POTREBBE INTERESSARRI ANCHE >>> Paolo Rossi, ancora sfregio alla memoria: rubati i cimeli allo stadio

Vaccini, i numeri in Italia: record anziani nel Lazio

Oms Vaccino AstraZeneca
Getty Images

Il lavoro di medici e infermieri all’hum di Fiumicino è cominciato alle 8 questa mattina. Più della metà dei poliziotti che hanno ricevuto la prima dose sono della Questura di Roma.

Secondo il report dei vaccini in Italia le persone che hanno ricevuto sia la prima sia la seconda dose sono 1 milione e 283mila mentre in totale la cifra sale a 2 milioni 989mila e 748. Secondo l’ultimo aggiornamento di questa mattina alle ore 8 è la Toscana la regione con la maggiore copertura vaccinale con 89,8% seguita dall’Emilia Romagna con l’85.7% e 85.5%.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Auto rubate a Napoli e rivendute: coinvolto poliziotto e carabiniere

Il Lazio ha invece il record per le dosi somministrati ai cittadini over 80 raggiungendo le 50mila vaccinazioni. La prenotazione è stata invece effettuata da 252mila anziani di cui 14mila le richieste domiciliari).