Governo, Mario Draghi accetta l’incarico: “Momento per rilanciare il paese”

Arrivano le prime parole di Mario Draghi pronto a guidare il Governo. Momento difficile ma l’ex presidente Bce è pronto a rilanciare il paese.

Governo Draghi
Al via l’esecutivo tecnico voluto da Mattarella (Getty Images)

E’ arrivato l’ok ufficiale di Mario Draghi, che accetta l’invito di Mattarella di guidare un Governo tecnico, con l’obiettivo di uscire dalla crisi. Infatti sono diverse le sfide che dovrà affrontare il nuovo premier, chiamato a radunare una nuova maggioranza. Il primo obiettivo è quello di mettere fine alla pandemia, conducendo la più grande campagna vaccinale del paese.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vaccino AstraZeneca, riduce la trasmissione del Covid del 67%: lo studio

Draghi gode della fiducia di gran parte del Governo, fatta eccezione del Movimento 5 Stelle rimasta fedelissima a Giuseppe Conte. Il nuovo premier è in collocui con il presidente del Consiglio dimissionario, Conte, che ha promesso che le parole scambiate con Draghi rimarranno segrete. Andiamo quindi a vedere le prime parole di Draghi da Premier.

Governo, Mario Draghi pronto a rilanciare il paese: le prime parole

Governo Draghi
Dalla Banca d’italia al colloquio con Mattarella (Getty Images)

L’ex presidente della Bce è pronto a diventare il premier italiano e dopo il colloquio con Mattarella, ha rilasciato le prime parole da Presidente del Consiglio. Ai microfoni Draghi ha dichiarato: “Sono fiducioso che dal confronto con partiti e forze sociali emergano unità e risposte responsabili e positive“. Adesso sarà turno di consultazioni politiche per decidere la maggioranza al Governo.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Coronavirus, il bollettino di oggi 3 febbraio

Al momento contro il nuovo Presidente del Consiglio ci sarebbe solamente il Movimento 5 Stelle. D’altra parte, infatti, abbiamo il Pd e Leu pronti ad appoggiare Draghi alla Camera. A sorpresa anche la Lega è pronta ad appoggiare il neo premier, insieme a Forza Italia. Mentre invece Fratelli d’Italia continua a spingere per l’elezioni, rimanendo contro il Governo Tecnico.