Vaccinazioni, il consiglio di Miozzo (Cts): “Usiamo soldati e volontari”

L’esponente del Cts, Agostino Miozzo, è contro la troppa improvvisazione sulle vaccinazioni e consiglia l’impego di soladati e volontari per accellerare.

Vaccinazioni Miozzo
Il consiglio dell’esponente del Comitato Tecnico Scientifico (WebSource)

Torna a parlare il coordinatore del Cts, Agostino Miozzo, pronto a dire la sua sulle vaccinazioni. Infatti ai microfoni è apparso un Miozzo sconfotato dalla troppa improvvisazione ad un anno dallo stato d’emergenza. L’esponente del comitato scientifico vorrebbe dare un’accellerata ai vaccini, nonostante i ritardi di Pfizer e Moderna. L’approvazione del farmaco di AstraZeneca potrebbe essere la vera svolta.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Ischia, matrimonio al ristorante: denunciati sposi e invitati

Infatti nella giornata di ieri, il ministro della Salute Roberto Speranza ha affermato che con l’arrivo del farmaco ango-svedese, l’Italia potrà finalmente espandere la sua campagna vaccinale. Per l’esponente del Comitato, però, se l’Italia vuole davvero battere il virus non può permettersi altri errori. Infatti ogni passo falso può essere pagato a caro prezzo, ma soprattutto allungherebbe l’agonia dettata dalla pandemia.

Vaccinazioni, Miozzo: “Ancora troppa improvvisazioni in piena emergenza”

Vaccinazioni Miozzo
Le precisazioni del principale esponente del Cts (Twitter)

La pandemia ha fatto riscoprire tutte le pecche della società attuale. Infatti come ricorda Miozzo, proprio il Covid-19 ha messo a nudo le fragilità dei sistemi sociale e sanitario causate da decenni di abbandono e di scarsi investimenti politici ed economici. Ma non solo, infatti è stata messa a dura prova anche la popolazione che si è dovuta adattare, stravolgendo le proprie abitudine quotidiane e lavorative. Ciò che preoccupa maggiormente però sono le vaccinazioni in ritardo.

POTREBBE INTERESSARTI >>>  GdF, scoperti migliaia di farmaci illegali contro il Covid: due denunce

Infatti Miozzo riporta non solo il ritardo e l’improvvisazione della campagna, ma anche la poca preparazione del territorio nell’affrontare l’immunizzazione. Così l’esponente del Cts chiede l’utilizzo dei volontari della Protezione Civile, con le migliaia di organizzazioni presenti sul territorio nazionale. Infine per Miozzo, i volontari dovranno interagire con i militari, la polizia, i carabinieri e la guardia di finanza per accellerare la campagna vaccinale.