Giornata della Memoria, cos’è e perché ricorre il 27 gennaio

Giornata della Memoria del 27 gennaio, perché si commemora proprio questo giorno. L’Onu l’ha istituita nel 2005

Giornata della Memoria
Getty Images

Se oggi non fossimo in emergenza sanitaria in molte scuole ci sarebbero stati eventi anche al di fuori delle mura degli istituti. Dal 2005, infatti, il 27 gennaio ricorre la Giornata della Memoria, chiamata ufficialmente Giornata internazionale di commemorazione in memoria delle vittime della Shoah com’è scritto nella risoluzione 60/7 dell’Onu che la istituì.

Quel giorno del 2005 cadeva il 60esimo anniversario della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz. Lo scoprirono le truppe sovietiche che in marcia dalla Russia verso Berlino, schiacciarono i nazisti che in fuga cercarono di distruggere le prove dei loro orrori.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> La Disney rimuove dei cartoni classici per under 7: “Sono razzisti”

Come in molti altri campo di sterminio o concentramento (avevano funzioni diverse ma molti prigionieri morivano prima di arrivare in quello di sterminio) i tedeschi provarono a distruggere i forni crematori e documenti. Anche ad Auschwitz, ma molti strumenti di morti c’erano quando entrarono i sovietici che trovarono anche settemila prigionieri tra ebrei, omosessuali, zingari e oppositori politici del regime.

Giornata della Memoria: “Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario”

“Per non dimenticare” è la frase ricorrente in queste giornate. Fu l’esortazione anche di Anna Frank nel suo diario. Il primo paese che provò a non dimenticare fu proprio la Germania che istituì questo giorno nel 1996.

“Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare” scrisse invece Primo Levi. In Italia la Giornata è stata istituita il 20 luglio. Se in Germania è particolarmente sentita, lo è anche nel nostro paese con la dittatura fascista alleata dei nazisti e promotrice di leggi razziali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli, sette mesi per il rinnovo delle carte d’identità

Nonostante l’emergenza sanitaria in corso, oggi si terranno comunque delle iniziative per ricordare la tragedia mondiale. Tutti in assenza di pubblico quelle che si terranno vicino ai monumenti con la sola presenza delle autorità ma tanti altri eventi si svolgeranno online come dibattiti e visite virtuali.