Covid Italia, Ricciardi: “Serve il lockdown”

Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute Speranza, ha fatto sapere che vista la situazione Covid, in Italia sarebbe auspicabile un lockdown.

Covid Italia
Il duomo di Milano durante il lockdown (Getty Images)

La situazione epidemiologica, nel nostro paese, continua a dare segni di stabilità non proprio rincuoranti. Nonostante la divisione in zone, infatti, la curva dei contagi non sta subendo alcuna riduzione. Nelle prossime settimane, inoltre, si vedranno i possibili effetti in termini di nuovi positivi a causa delle riaperture delle scuole in tutto il territorio nazionale.

Ai microfoni di Radio Popolare ha rilasciato un’intervista il professor Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute Speranza. In merito all’argomento Coronavirus, l’esperto non utilizza mezze misure. Secondo la sua idea, infatti, serve “un lockdown vero di tre o quattro settimane”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Meteo, la settimana inizia col maltempo: allerta arancione in 4 regioni

Il Covid in Italia preoccupa: Ricciardi chiede un lockdown

Covid Italia
L’Istituto Superiore di Sanità avverte sul possibile pericolo in nove regioni (Getty Images)

ìRicciardi, inoltre, ha toccato il tema della variante inglese dichiarando che “è presente ma non sappiamo quanto e dove, non sequenziamo abbastanza”. In Italia, così come in Europa, la mutazione del virus “prenderà il posto della attuale nel giro di settimane o mesi”.

LEGGI ANCHE >>> Brasile, incidente per l’aereo del Palmas: morti presidente e 4 giocatori

Ai microfoni di Che tempo che fa, invece, ha trattato il tema della scuola. Un tema di discussione che da settembre tiene banco e non si riesce a venirne a capo. Ricciardi, però, ha portato l’esempio della Germania. Lì, infatti, stanno chiudendo “tutte le scuole, anche quelle elementari, perché questa variante inglese purtroppo si diffonde in nord Europa nell’80% dei casi proprio a partire dalle scuole. Il consulente del ministro Speranza, inoltre, avverte sulla pericolosità di questa variante perché “non solo è più infettiva e contagiosa ma anche più letale”.