Covid-19, il bollettino del 22 gennaio: 13.633 nuovi casi 472 morti

La Protezione Civile ha rilasciato i dati riguardanti il bollettino da Covid-19 di oggi 22 gennaio: le ultime su contagi, morti e guariti.

covid bollettino oggi
Il bollettino coronavirus di oggi 22 gennaio (via screenshot)

La Protezione Civile, pochi minuti fa, ha rilasciato il bollettino con gli aggiornamenti da Covid-19 delle ultime 24 ore. I nuovi casi sono stati 13.633 di 1.280.035 casi da inizio epidemia. I decessi sono stati 472 mentre i guariti 27.676. Sono state 1.308.262 le persone vaccinate in totale.

264.728 tamponi, tasso di positività al 5,1% (-0,1%).
La situazione negli ospedali: -28 terapie intensive | -354 ricoveri.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vaccino, il messaggio di fiducia di Burioni

Covid-19, il bollettino del 22 gennaio: la situazione regione per regione

bollettino covid
Bollettino coronavirus 22 gennaio

La situazione Coronavirus in Italia appare quindi stabile, con la soglia di criticità che oramai è presente solamente in 4 tra regioni e province autonome e parliamo di: Sicilia, Sardegna, Umbria e Pa di Bolzano. Nonostante le quattro zone italiane restano a rischio epidemia non controllata, i numeri continuano lentamente a calare. Una situazione che potrebbe trovare un miglioramento decisivo nelle prossime settimane, ma solamente se vengono rispettate le restrizioni.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid, report dell’Iss: “Ancora 9 regioni a rischio epidemia non controllata”

Intanto sul fronte del vaccino regna il gelo tra Pfizer e Italia. L’azienda americana ha confermato la diminuzione di dosi, ma è pronta a risarcire il paese. Infatti proprio il Commissario Arcuri ha deciso di far scendere in campo l’avvocatura dello Stato. Una scelta che smosso subito la Pfizer, che ha dato le sue rassicurazioni al paese.

La casa farmaceutica ha così rassciurato tutti, affermando che le dosi verranno restituite a metà febbraio, quando ci sarà l’aumento della produzione. Intanto per venerdì prossimo è attesa la decisione dell’Ema sull’approvazione del vaccino di AstraZeneca. Il siero prodotto tra Oxford e Pomezia è pronto a fornire 40 milioni di dosi all’Italia, al momento dell’ok dell’Agenzia Europea del Farmaco.