Coronavirus, la variante brasiliana preoccupa. Pregliasco: “Non ci sono dati”

Fabrizio Pregliasco, virologo dell’università degli Studi di Milano, ha rilasciato un’intervista in merito alla variante brasiliana del Covid-19.

Coronavirus variante brasiliana
(Getty Images)

Ai microfoni dell’Adnkronos Salute, ha rilasciato un’intervista Fabrizio Pregliasco, virologo dell’università degli Studi di Milano. In questo momento, infatti, la comunità scientifica si sta ponendo diversi dubbi in merito alle ultime varianti emerse. Oltre a quella inglese, nelle ultime settimane si sta diffondendo anche quella brasiliana oltre che quella sudafricana. “Possiamo dire che le mutazioni che caratterizzano la variante partita dal Brasile, così come quella sudafricana, rendono entrambe più preoccupanti rispetto alla variante inglese”, ha spiegato l’esperto.

L’interrogativo, in questo momento, riguarda anche e soprattutto l’efficacia dei vaccini contro queste mutazioni. Allo stato attuale, però, non ci sono ancora dati in merito. Per questo motivo, quindi, “è importante monitorare la circolazione di queste varianti anche in Italia, aumentando l’attività di sequenziamento e isolamento virale”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, un vecchio farmaco diuretico per bloccarlo: lo studio a Roma e Bari

Coronavirus, la variante brasiliana preoccupa: le parole di Pregliasco

Covid variante brasiliana
Cosa si sa sulla nuova variante di Coronavirus (Getty Images)

“Speriamo di avere una campagna vaccinale rapida, al di là dei problemi in questo momento di approvvigionamento”, ha detto Pregliasco. Anche perché, stando a quanto riferito dai dati, “cominciano a esserci segni della presenza della variante inglese di Sars-Cov-2 in Italia”.

LEGGI ANCHE >>> Controlli anti Covid: 720 mila verifiche tra persone e attività commerciali

“E’ fondamentale aumentare il sequenziamento, dobbiamo usare l’epidemiologia molecolare come un elemento fondamentale per tracciare l’evoluzione e la catena di contagio”, ha concluso Fabrizio Pregliasco, virologo dell’università degli Studi di Milano.