Scontro Calenda-Mastella: “Mi ha telefonato per non far cadere il governo”

Scontro Calenda-Mastella, il leader si Azione ha svelato che il sindaco di Benevento l’ha telefonato. La replica: “Moralmente modesto”

calenda mastella
WebSource

Nel vocabolario della nuova crisi di governo c’è la parola “costruttori” come sinonimo di “responsabili”, entrambe contrari di irresponsabili o disfattisti, chi vuole a caduta del Conte II. Sono così cominciate la classiche trattative politiche. Una l’ha svelata Carlo Calenda, il leader di Azione che ha scatenato una polemiche con il sindaco di Benevento ed ex ministro Clemente Mastella che nei giorni scorsi si era dimostrato interessato a non far cedere l’esecutivo.

Su Twitter il primo – candidato sindaco a Roma – ha raccontato di aver ricevuto una telefonata dal “simpatico Mastella” che avrebbe proposto un accordo: l’appoggio al governo in Conte in cambio del supporto del Pd a Roma. “Scarsa capacità di valutare il carattere degli uomini. O quanto meno il mio” ha scritto Calenda, con l’hashtag #costruttoridelnulla.

Calenda definisce la telefonata “un insulto personale”, discolpando però il Pd per il quale sostiene di non aver motivi che fosse a conoscenza della telefonata. La replica di Mastella non si è fatta attendere.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Recovery Plan, Conte: “Progetto ambizioso, torneremo alla vita normale entro un anno”

Mastella: “Sei moralmente modesto”

Il sindaco di Benevento non ha negato la telefonata. Ha detto di aver chiesto a Calenda cosa faceva perché è contro Renzi e se fosse per il Pd e la risposta del leader di Azione è stata negativa. Mastella afferma di non aver titoli per parlare a nome del Pd e che ricorda il Calenda che conosceva all’epoca del Cis di Nola, il referente per le segnalazioni: “Ruolo modesto, perché sei moralmente modesto“.

calenda mastella

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Firmato nuovo Dpcm, in vigore da sabato al 5 marzo: le regole

Poco fa sempre su Twitter Calenda è tornato a parlare della questione. Rispondendo a un utenti che gli contestava l’aver rivelato il contenuto di una telefonata private, ha detto che non conosceva Mastella e che è stato un tentativo di corruzione “sia pure politicamente”, per tanto il destinatario della telefonata può renderlo pubblico.